... Non Solo Cromopuntura

venerdì 30 settembre 2016

CURANDEROS DELL'ANIMA



Era il 1971 e camminavo lungo la Avenida Abancay, una delle vie principali di Lima, in mezzo a una folla che mi passava accanto velocemente, nelle due direzioni. Anch'io andavo di fretta: ero atteso negli uffici del ministero delle Finanze per una riunione molto importante.

Fino a quel momento mi sentivo davvero fortunato. La vita mi sorrideva: credevo di essere un uomo realizzato, perché ero riuscito a diventare un professionista riconosciuto e importante, proprio come avevo sempre sognato.

Eppure, una volta raggiunta quella meta, cominciai a sentirmi insoddisfatto: desideravo qualcosa di più. Da giorni, infatti, mi ero prefisso un nuovo obiettivo: volevo aprire un'impresa, un'azienda tutta mia in cui le mie idee avrebbero preso vita. Così avrei potuto guadagnare molti soldi e sarei finalmente diventato una persona potente e ammirata da tutti.

Se qualcuno mi avesse detto che negli anni successivi avrei rinnegato il mio lavoro e accantonato tutti gli insegnamenti acquisiti negli anni dell'università, l'avrei preso sicuramente per un pazzo.

E' quello che pensai quando mi imbattei in un uomo sporco, con i capelli arruffati e gli occhi sporgenti, che mi fermò all'improvviso, afferrandomi forte per un braccio. Avvenne tutto in modo così rapido che non ebbi nemmeno il tempo di reagire per liberarmi dalla sua stretta, ma sentii bene le parole che mi sussurrò nell'attimo esatto in cui mi tirò a sé: «Presto abbandonerai la tua città e il tuo lavoro. Te ne andrai molto lontano da qui e il tuo modo di pensare cambierà completamente».

Non riuscii a rispondere, né a capire bene che cosa stesse accadendo, perché lo sconosciuto lasciò il mio braccio repentinamente come l'aveva preso e si allontanò velocemente, perdendosi in quella moltitudine che andava e veniva.

Non appena mi fui ripreso dalla sorpresa, cominciai a ridere di quel curioso incidente. Ripetendomi quello che avevo appena udito mi dissi che anche Lima era piena di folli.

Nelle Ande si dice che il vero cercatore può giungere a una spiritualità falsa o autentica, ma spetterà a lui distinguere il vero dal falso, separare il grano dalla paglia.

Colui che aspira alla propria dimensione religiosa nella sua manifestazione più pura ed elevata dovrà allontanarsi dalla moltitudine e dirigere i suoi passi verso le montagne, dove dimorano gli uomini santi del Sudamerica.

Questi rappresentano la vera anima degli andini ed è tramite loro che il divino si manifesta ai comuni mortali.

Tuttavia, quando questi saggi maestri cominciarono a ritirarsi dalle città e a dirigersi verso i monti andini per poi scomparire iniziò la nostra decadenza spirituale.

Le pagine che seguono sono il riassunto delle conversazioni che ho avuto con uno di loro.


I Curanderos dell'Anima
In cerca di un maestro
Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

LE 5 PIANTE CHE AMPLIFICANO I TUOI SOGNI





Calea Zacatechichi:
E' una pianta originaria del Messico, da sempre utilizzata dai nativi indiani e dai loro sciamani nelle cerimonie sacre. L’uso sciamanico divinatorio è quello della induzione di sogni particolarmente vividi con visioni reali di profonda conoscenza ed immaginazione.

Le foglie vengono fumate o bevute in thé poco prima di addormentarsi.




Artemisia Assenzio:
Pianta spontanea e comune in gran parte d'Europa, l'assenzio aveva avuto tra l'800 e il 900 la sua massima diffusione grazie alla bevanda omonima che conquistò la fama di essere allucinogena poiché in principio conteneva anche estratti dell'oppio.

La bevanda alcolica venne in seguito bandita e resa illegale fino a poco tempo fa. Per amplificare i propri sogni ne basta prendere un cucchiaino di foglie di assenzio secche in una tazza da thé prima di coricarsi.



Dragoncello:
Il Dragoncello si trova facilmente nelle fiorerie in primavera tra le erbe aromatiche utilizzate in cucina, anche questa pianta ha proprietà oniriche
.



Loto Blu:
La Nymphaea caerulea, nota anche come blue lotus, è una ninfea del genere Nymphaea.
Attualmente cresce nei pressi del delta del Nilo.
La pianta può essere propagata ponendo pezzi di rizoma in un bacino d’acqua. e parti "interessanti" della pianta sono i fiori e i boccioli.
Il Loto Blu è un potente rilassante e allo stesso tempo stimola l'eros. Dai tre ai sei boccioli bevuti in un thé inducono calma e sensazioni ipnotiche e possono aiutare ad avere sogni lucidi.




Silene Capensis:
E' una pianta nativa dell’est del Sud Africa.
È considerata pianta sacra dal popolo di Xhosa, da cui la radice viene usata per indurre sogni lucidi, vividi e profetici durante l'iniziazione sciamanica.

La si prepara in due modi. Il primo consiste nel mischiarne mezzo cucchiaino da tè con un bicchiere d'acqua e di berlo al mattino presto. Il secondo metodo consiste nel mischiarne una quantità maggiore con mezzo litro d acqua e mischiandola in un mixer fino a quando non si forma una poltiglia. La poltiglia ottenuta va succhiata prima di coricarsi.

Questa pianta, come la più conosciuta Calea zacatechichi, difficilmente porta risultati immediati. E’ consigliabile portare avanti l'assunzione per una o due settimane prima di valutarne gli effetti.

In Italia si trovano diverse specie di Silene, ma i loro effetti onirici non sono ancora stati confermati.



lunedì 26 settembre 2016

L'AUTOGUARIGIONE ENERGETICA

L'AUTOGUARIGIONE ENERGETICA E' MOLTO SEMPLICE....

E' possibile controllare il proprio corpo energetico in maniera molto facile, in 5 passi.

- Sedetevi e concentratevi sulla respirazione. Non cambiatela, seguitela semplicemente: per entrare in "qui ed ora".


- Mettete le mani davanti a voi e sfregate energicamente i palmi delle mani, per 1-2 minuti. Sentirete un calore. Facendolo, sorridete leggermente, il sorriso, di per se, possiede una forza curativa.

- Tenendo le mani a distanza di 15-20 cm, sentite una palla d'energia tra di loro. Questa energia esiste sempre, ora la sentite perché ne siete consapevoli.- Prendete controllo di questa energia, è una parte di voi.

- Chiudete gli occhi e provate a spostare l'energia dalle mani verso le altre parti del corpo. Non potete sbagliare, perché state risvegliando il vostro corpo energetico con la forza dell'intento, l'intento di sentire e di guarire.

- Spostate questa energia verso un'area tesa o malata del corpo. Trattenete lì l'energia, sapendo di inviare l'amore e l'energia positiva. Se smettete di sentire l'energia, sfregate di nuovo le mani. Potete visualizzarla come luce bianca. Giocate. Sorridete.

- Inviate questa energia dove volete, verso le aree del corpo che credete. Notate le sensazioni che sorgono. Provate la gratitudine per aver scoperto questa capacità naturale. Sentite come l'energia rilassa ogni parte del corpo con la quale viene a contatto. Giocando cos', in soli 5 minuti potreste avvertire uno stato di calma e di beatitudine.

domenica 25 settembre 2016

COME INCREMENTARE LA CREATIVITA'

PER SPINGERE AL MASSIMO LA CREATIVITA’ DEL VOSTRO CERVELLO

… il mezzo migliore è la neuroacustica.

Volete avere il successo, scrivendo un libro, un brano musicale? Volete trovare una via d’uscita originale da una situazione non semplice, o volete semplicemente aumentare il vostro IQ?
Questo programma (2013) utilizza i ritmi alfa e theta, stimola il cervello e lo rilassa nello stesso momento.
Nel mondo ce ne sono diversi programmi neuroacustici che mirano allo sviluppo della creatività, ma pochi sono sono veramente validi e verificati.
Questo programma ha alcune somiglianze con il programma di J.Thompson “Creative”, dal punto di vista dei meccanismi d’azione impiegati (binaurali), anche se negli ultimi programmi dell’Istituto questa tecnologia del suono non si usa più, ha ceduto il posto a tanti tecnologie del suono moderne ed innovative.
Da ascoltare con le cuffie, al mattino o dopo pranzo. Se lo ascoltate di sera, potreste fare dei sogni un po troppo vividi..


https://www.youtube.com/watch?v=TaSnJFej4F8

Advanced Mind Insitute

sabato 24 settembre 2016

GUARIRE CON L'AIUTO DEL SUBCONSCIO

COME COSTRINGERE IL SUBCONSCIO A LAVORARE PER NOI?

Il subconscio funziona sempre, giorno e notte, è un operaio sempre al lavoro nel nostro organismo, ma noi non possiamo interagire con lui direttamente, tramite la mente.
Il linguaggio del subconscio sono la fede e le convinzioni, ciò in cui credete diventa la verità per il subconscio.
Come trasmettere nel subconscio il pensiero che cura?


E' stato documentato il caso di un pastore protestante che moriva a causa del cancro al polmone.
Il pastore aveva documentato la sua cura.
"Due o tre volte al giorno rilassavo la mia anima. Rilassavo prima il corpo e poi ripetevo: "i miei piedi sono rilassati, le gambe sono rilassate. Ora si stanno rilassando i muscoli dell'addome. Il cuore batte con regolarità, il respiro è regolare, tranquillo. La testa è rilassata, sono tutto rilassato". Dopo circa 5 minuti, quando raggiungevo uno stato di dormiveglia, affermavo: "Si trova in me, adesso, l'espressione della perfezione del disegno divino. Il mio subconscio è colmo del pensiero sulla perfetta salute.
La mia immagine davanti a Dio è impeccabile."

Si deve ricordare:

- Il subconscio gestisce tutti i processi vitali dell'organismo e conosce le risposte a tutte le domande.
- Prima di dormire, rivolgetevi a lui con una domanda, e vi convincerete della sua potenza miracolosa.
- Occorre controllare i pensieri che occupano la vostra coscienza; il pensiero è un'azione, e il subconscio fornisce una reazione automatica ai pensieri.
- Tutte le preoccupazioni sorgono a causa dei desideri non realizzati. Non fissatevi sui problemi e sulle difficoltà, la reazione del subconscio sarà bloccante: voi stessi bloccate la strada per il vostro benessere.
- Inviate nel subconscio i pensieri sulla pace, armonia, salute, e le funzioni corporali piano piano torneranno alla norma.
- Immaginate una soluzione felice del vostro problema, sentite la gioia per la sua realizzazione, e queste fantasie saranno accettate e poi realizzate dal subconscio.

Advanced Mind Institute Italia FB

venerdì 23 settembre 2016

L'USO TERAPEUTICO DELL'ENERGIA

E = mc2. L’energia è uguale alla massa per il quadrato della velocità della luce.

Questa piccola formula fisica, nella quale Einstein ha racchiuso la sua teoria sulla relatività, ha rivoluzionato il modo in cui guardiamo l’Uomo.

L’energia uguale alla massa significa che ogni elemento presente in natura, oltre ad avere una sua consistenza materiale, vibra a una determinata frequenza; se la materia è energia, ogni elemento pre- sente in natura può ricevere, conservare e poi emettere energia.

La natura di quell’elemento è determinata proprio dall’energia che riceve, essa infatti trasporta un’informazione che appunto informa, dà forma all’elemento stesso. La forma di un fegato sano è determinata da un’informazione di salute, la forma di un fegato ma- lato è determinata da un’informazione di malattia; queste informazioni sono presenti nell’ambiente che ci circonda e possono quindi a loro volta determinare sanità o patologia.

Uno dei più importanti veicoli di energia-informazione è il colore; qualsiasi squilibrio organico quindi può essere nuovamente armonizzato irradiando un colore nel quale quel determinato organo vibra. A ogni organo corrisponde un colore che vibra a un’analoga lunghezza d’onda. La cromopuntura agisce direttamente sulle cellule malate con l’informazione di armonia intrinseca nel colore! Quando l’energia del colore raggiunge una soglia di vibrazione analoga a quella dell’organo corrispondente, le molecole di quell’organo incominciano a vibrare all’unisono ristabilendo coerenza interna e salute.

Comprendere l’azione del colore e saperlo utilizzare correttamente diventa oggi fondamentale nei moderni sistemi di regolazione della salute. Una medicina moderna non può quindi basarsi esclusiva- mente su farmaci che agiscono solo sulla componente materiale della malattia, ma ha la necessità di considerare l’uso terapeutico dell’energia, essendo la materia, come abbiamo visto, formata da energia.

Una mole sempre più importante di studi scientifici convengono su questo e la letteratura medica è ormai ricchissima di soluzioni terapeutiche energetiche.



CROMOPUNTURA. LE FREQUENZE DELL’ANIMA 

IL PRIMO RELAIS TRASMETTITORE


Il primo Relais trasmettitore si trova circa all'attaccatura dei capelli e più' precisamente a meta' tra il punto centrale del cranio e la radice del naso. il raggio di ogni singolo cerchio
é pari alla larghezza del dito medio di chi si sottopone al trattamento, in questa fase descriviamo la terapia del primo cerchio del primo relais trasmettitore




dal punto ZERO il punto della nascita si estendono 25 punti che rappresentano ogni anno di vita, testare con il cerca punti  i punti più' dolorosi , marcarli e poi trattarli per 30 secondi
a sinistra con il colore VIOLA e a destra con il colore GIALLO, i punti dolorosi corrispondono agli anni in cui sono registrati eventi dolorosi e traumatici



Ora individuati i punti dolenti passa con penna cromopuntura  il semicerchio sinistro con il colore VIOLA dal punto ZERO AL punto 25  ( due tre volte avanti e indietro) ora traccia la parte opposta con il colore GIALLO, ora stimola i punti dolenti con il colore VIOLA per esempio il SESTO ANNO per 30 secondi con il VIOLA poi traccia una diagonale che passa per il centro individui così' il primo punto GIALLO , poi sali o scendi in verticale per trovare il secondo punto 
nel semicerchio "aspetti del corpo" riprendi a stimolare il prossimo punto dolente Con il VIOLA nel semicerchio "Anni di vita" e procedi nello stesso modo

E' stato dimostrato scientificamente che avvenimenti gravi e traumatici successi a una persona durante il suo sviluppo dall'anno di nascita fino al 25esimo anno sono in correlazione  alle malattie che sorgono nel corso della sua vita , il trattamento aiuta a sciogliere e a guarire il passato armonizzando i periodi in cui sono avvenuti questi gravi avvenimenti

il trattamento é spiegato nei dettagli nel libro ESOGETICA il senso e non senso della malattia e del dolore di PETER MANDEL


Antar Raja

                                                                                   

lunedì 19 settembre 2016

3 CAUSE DELLE NOSTRE MALATTIE SECONDO GLI SCIAMANI

Nei termini dello sciamano, ci sono tre cause classiche della malattia, che, non a caso, non sono i batteri, i microbi o i virus, ma piuttosto gli stati interni.

La prima causa è la disarmonia, che succede quando gli uomini perdono una relazione per loro importante nella vita, o quando sono privi del senso di appartenenza. Per esempio la disarmonia si verifica quando, per una coppia di anziani che sono stati insieme la maggior parte della loro vita, improvvisamente uno di loro muore. Capita spesso che in un anno e mezzo, anche l’altro si ammala di qualcosa di serio come il cancro e muore. La disarmonia produce una diminuzione del potere personale che, a sua volta, ci rende vulnerabili alle malattie.

La seconda causa e la paura. Una persona che ha una paura cronica è spento dentro, è vulnerabile alle malattie, perché il timore diminuisce la capacità di funzionamento del sistema immunitario. Anche i medici sanno che la paura e la disarmonia si manifestano nelle malattie e sono riconosciute dalla scienza moderna.

La terza causa e la perdita d’anima.
E qui accade una cosa interessante. Dal punto di vista sciamanico, la perdita d’anima é il diagnostico più grave, é la causa delle malattie più importante e delle morti prematuri. Pero, nei trattati di medicina tradizionale non c’è alcun riferimento a questo aspetto.
Che cos’è la perdita d’anima? La perdita d’anima implica una ferita grave al cuore interno di una persona – alla sua essenza interiore, a chi è e che cos’ è quella persona. Di solito, la ferita risulta dalla frammentazione della sua essenza.
Nella nostra cultura, la perdita dell’anima è spesso associata ad un trauma. Per esempio, un bambino che è spinto a scuola senza pietà, o che viene molestato dalla persona che lo deve curare. La perdita d’anima avviene come risultato di un abuso, come nel caso di uno stupro o aggressione. La perdita dell’anima può accadere come conseguenza di un tradimento, un divorzio amaro, un aborto spontaneo traumatico, un terribile incidente d’auto, o addirittura un intervento chirurgico. Molti dei giovani che sono andati a lottare in Irak o Afganistan, sono tornati traumatizzati perchè hanno subito terribile perdite d’anima. Purtroppo, i medici occidentali non hanno molto da offrire in termini di vera guarigione e molti di loro sono ancora traumatizzati da ciò che gli e stato successo.

I sintomi della perdita d’anima sono: il sentimento che sei frammentato, che non sei completamente lì, l’incapacità di sentire o di ricevere amore, blocco di memoria, quando una persona non e capace di ricordarsi pezzi della sua vita, l’installazione all’ improvviso di apatia e indifferenza, la mancanza di gioia, dell’iniziativa, o l’incapacità di sentire la gioia, o anche la predisposizione per il suicidio o dipendenze. Le perdite di pezzi d’anima si manifestano spesso come malinconia e disperazione, che inducono il classico sintomo della perdita di anima – la depressione.
Dal punto di vista tradizionale, la malattia è vista come un’intrusione – qualcosa che entra nel corpo dall’esterno e che non appartiene al corpo. Ciò è vero quando si tratta di un virus, una freccia o una forma di pensiero negativo. Ma il problema iniziale non e l’intrusione della malattia. Il problema più importante è la perdita del potere o la perdita di una parte d’anima, che ha permesso alla malattia di entrare e manifestarsi nel corpo. Questo è il problema ed è qui dove lo sciamano gioca la sua parte migliore.

In conformità con la tradizione sciamanica, la guarigione avviene in fasi.
La prima fase implica quello che potremmo chiamare l’aumento della potenza, un processo durante quale lo sciamano dà piu potere al paziente.
La seconda fase prevede diagnosticare il problema, scoprendo la causa e percependo il suo effetto sul corpo del paziente.
La terza fase prevede il processo proprio di guarigione.
La quarta fase è critica. Questa è la pratica del recupero dell’anima persa.

Io, attraverso mio lavoro ho cercato di capire un po’ di ciò che significa essere una matematica, mistica e guaritrice, in un momento di alte tecnologie e superscienze. Di guardare all’origine e al destino della nostra specie attraverso un viaggio che mi permette a visualizzare ciò che possiamo diventare tutti quando accettiamo che siamo composti da tutto ciò che significa la creazione. Ho dovuto capire me stessa a tutti i livelli: spirituale, fisico, mentale ed emotivo. I miei problemi di potenza e controllo sono stati rispecchiati dai miei genitori. Loro mi hanno rivelato tutti gli aspetti per quali sono adesso qua, in questa vita, le lezioni che ho da imparare. Lo hanno fatto perché, a qualche livello, abbiamo scelto l’un l’altro per esserci reciprocamente insegnanti ed ho cercato di andare piu in passato possibile.
Lo sciamano sa che quando accade il processo di autoguarigione si guarisce il passato ma anche il futuro. Questa riflessione può avere una vibrazione diversa, un risultato diverso delle vecchie energie, che ci da la possibilità di creare il nostro proprio futuro.
Come dico sempre: La vita e una previsione che si autorealizza.
Dunque il Creatore dentro di noi non giudica, non punisce, e non ci da delle ricompense. Ma ci rifletta in totalità, fin quando iniziamo il processo di cambiamento. Non siamo neanche consapevoli delle nostre capacita di cambiarci fin quando non siamo preparati, pronti a farlo. E quando saremo pronti per creare questo cambiamento, una reazione affascinante può essere necessaria, attraverso la quale ci liberiamo dal passato per costruire un nuovo futuro.
La riscoperta del sciamanesimo e diventata un impulso maggiore nel corrente attuale di risveglio spirituale che il mondo occidentale sta attraversando e un ponte tra le tecniche tradizionale sciamaniche ed orientale, testate per lunghissimi periodi di tempo durante la nostra storia, e i metodi vari d’introspezione, efficienti e facili da imparare permette agli occidentali (che non fanno parte di una società tribale) di conettarsi al loro sorgente interiore di potenza e saggezza per facilitare la guarigione e l’eliminazione dei disaggi.

Fonte: http://lalucecheguarisce.blogspot.it/

Il programma per il ripristino dell'armonia, rimozione di negatività e paure




Un programma per ripristinare l'armonia,e rimuovere  negatività e paure

Benefici del programma

- Effetto generale tonico sul corpo
- Rimuovere lo stress, la paura, la negatività
- Riempire l'energia
- Un forte effetto antidepressivo
- Realizzazione di stato di armonia
- Sollevamento lo stato d'animo, il tono generale. Rimozione delle dipendenze

Nel programma  vengono utilizzate le seguenti frequenze:

Isocrono tono - frequenza portante di 90 Hz
Questa frequenza è associata a benessere, un senso di sicurezza, armonia.

Il ritmo pulsante: 0.9Gts Frequenza - euforia

La frequenza portante di Binaural Beats: 172,06 Hz,  ha una forte influenza  antidepressiva
questa frequenza è la migliore "funziona" per sbarazzarsi di paure e ansie ..

Altrie frequenze ( battiti binaurali ) utilizzate nel programma:

Inizio Programma - ritmo delta 3.5 Hz, la cui frequenza è associata con il rilascio del negativo, pensieri negativi, depressione. Questo ritmo suonerà per i primi 15 minuti. Poi frequenza di battimento binaurale di aumentare a 20 Hz (beta ritmo) e la sua durata sarà di 5 minuti. energia di frequenza 20Hz ha un forte effetto sul corpo, caricandolo di energia. Azione: ringiovanimento, una maggiore vitalità.

Il ritmo alfa (10 Hz) si giocherà nei prossimi 15 minuti.

A questo punto, sarà la stimolazione della serotonina - un ormone che migliora l'umore e benessere. Da allora in poi, per 5 minuti per suonare di nuovo beta-rate (20 Hz). Un altro "alimentando" energia.

Il programma termina con un ritmo delta di 1,0 Hz, che durerà' per gli ultimi 20 minuti. Questa frequenza porta armonia, equilibrio interiore

Ascoltare con le le cuffie stereo

Il programma si può ascoltare in qualsiasi momento , sia al mattino e nelle ore pomeridiane o serali.

L'effetto del programma può essere immediato o dopo alcune ore o giorni. Improvvisamente ci si sente in pace e in armonia e ci si ritrova in uno  stato di felicità.

Lenny Rossolovsky

domenica 18 settembre 2016

paradigma Mendelsohn


Robert Mendelsohn
paradigma Mendelsohn. «Stai bene? Non andare dal medico. Stai male? Non andare dal medico. Ci sei già andato? Prendi nota di quanto ti ha detto e fa l’esatto contrario, se vuoi salvare la pelle!».

ZONA MEDICA SALUTE O ZONA MEDICA PERICOLO?

UN MEDICO CELEBRE CHE PENSAVA A TUTTO FUORCHE’ AI SOLDI
In America, e nel mondo intero, dalla Cina al Giappone, dal Medioriente all’Africa, dall’Europa al Brasile, tutti se lo ricordano come uno dei più grandi medici di tutti i tempi, anche se in realtà era un medico-pediatra, categoria niente affatto affascinante agli occhi della gente, per i troppi legami intrattenuti con le multinazionali del cibo e del farmaco. Lui non pensava certo ai soldi e alle collusioni.

PARLIAMO DEL DR ROBERT MENDELSOHN
Amava dire pane al pane e vino al vino, sempre e dovunque. Parliamo del dottor Robert Mendelsohn, quello del teorema “Stai bene? Non andare dal medico! Stai male? Non andare dal medico”, da applicarsi a genitori e ai bambini piccoli. Sputare nel piatto dove mangi non è cosa simpatica. Ma Mendelsohn aveva a cuore la salute della gente, e se ne strafregava di tutto il resto.

NE AVEVA VISTE TROPPE
Da quando si era reso conto che le idee, le ricette, le prescrizioni, le formule dietologiche raccomandate a grandi e piccini, portavano invariabilmente a peggioramenti e a disastri, non esitò a rendere pubblico il suo disappunto, la sua totale sfiducia nel sistema sanitario americano e mondiale. Ne aveva viste troppe con le micidiali vaccinazioni antipolio e con tutto il resto.

SE STAI BENE TI AMMALERANNO
“Se stai bene ti ammaleranno e se stai male ti peggioreranno”, diceva. Ma spiegava anche in dettaglio, nei suoi best-seller mondiali, il perché del suo marcato pessimismo. Se poi una madre non lo ascoltava, e gli confidava di esserci già andata, dal medico o dal pediatra, le diceva senza esitare, di prendere nota punto per punto delle parole, degli ammonimenti e delle istruzioni date dal medico, e di fare poi esattamente l’opposto.

Valdo Vaccaro
Bambini Sani Senza Medicinali
Guida ai disturbi del bambino per difenderlo dall'abuso dei farmaci e stabilire quando è necessario ricorrere al medico
Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere

sabato 17 settembre 2016

PROGRAMMA PER LA NORMALIZZAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE



L’uomo è un agglomerato di vibrazioni, e ogni organo ne possiede di proprie.
Agendo sui determinati organi con certe frequenze, è possibile normalizzare la loro funzione. In questo programma è adoperata la frequenza di 8 Hz, che insieme alla frequenza portante di 132 Hz, contribuisce alla cura dei reni.
Si raccomanda di ascoltarlo nelle ore serali e con le CUFFIE, 1-2 volte al giorno. E’ ammissibile l’ascolto anche senza cuffie. Non è indicata durante la gravidanza, ai portatori di pacemaker, ai malati di epilessia, ai bambini..


https://www.youtube.com/watch?v=mX5Ce8Ap-PA

venerdì 16 settembre 2016

iNTERVISTA ALLA GUARITRICE Margarita Nuñez

Abbiamo perso il contatto con la Natura, Nonna (Abuela in spagnolo significa nonna) Margarita ce lo ricorda, ci illumina di storia e di Magia facendoci vedere un’altra dimensione, la nostra!

“Quando desidero qualcosa lo chiedo a me”. Nonna Margherita, guaritrice e guardiana della tradizione maya, è cresciuta con la sua bisnonna, che era guaritrice e faceva miracoli. Pratica e conosce i circoli di danza del sole, della terra, della luna, e la ricerca della visione. Appartiene al consiglio degli anziani indigeni e si dedica a seminare salute e conoscenza in cambio della gioia che le produce il farlo, perché per mantenersi continua a coltivare la terra. Quando viaggia in aereo e le assistenti di volo le danno un nuovo bicchiere di plastica, lei si afferra al primo: “No, ragazza, questo va a finire alla Madre Terra.” Sprizza saggezza e potere, é qualcosa che si percepisce nitidamente. I suoi rituali, come gridare alla terra il nome del neonato, affinché riconosca e protegga il suo frutto, sono esplosioni di energia che fanno bene a chi é presente; e quando ti guarda negli occhi e ti dice che siamo sacri, si muove qualcosa di profondo. Lei ci dice:

Abuela Margarita: Ho 71 anni. Sono nata in campagna, nello stato di Jalisco, Messico, e vivo in montagna. Sono vedova, ho due figlie e due nipoti da parte delle mie figlie, però ne ho a migliaia con cui ho potuto imparare l’amore senza attaccamento. La nostra origine sono la madre Terra e il padre Sole. Sono venuta sulla terra per ricordare a voi ciò che c’è dentro ciascuno.


Giornalista: Dove andiamo dopo questa vita?

A. M.: Oh, figlia mia, a divertirci. La morte non esiste. La morte è semplicemente lasciare il corpo fisico, se vuoi.


G.: Come se vuoi…?

A.M.: Te lo puoi portare via. Mia bisnonna era chichimeca (NdT: popolazioni seminomadi dell’America centro-sud, termine peggiorativo un po’ come i nostri zingari), sono cresciuta con lei fino ai 14 anni, era una donna prodigiosa, una guaritrice, magica, miracolosa. Ho imparato molto da lei.


G.: Ormai si nota che lei è una saggia, Nonna.

A.M.: Il potere del cosmo, della terra e del grande spirito è lì per tutti, basta prenderlo. Noi guaritori valorizziamo e amiamo molto i 4 elementi ( fuoco, acqua, aria, terra), li chiamiamo nonni. Una volta ero in Spagna, accudivo a un fuoco e ci siamo messi a chiacchierare.

G.: Con chi?

A.M.: Con il fuoco. “Io sono in te,” mi disse. “Lo so già,” risposi. “Quando decidi di morire ritornerai allo spirito, perché non ti porti il corpo?” disse. “Come faccio?” domandai.

G.: Interessante conversazione.

A.M.: “Tutto il tuo corpo è pieno di fuoco e anche di spirito – mi disse, – occupiamo il cento per cento dentro di te. L’aria sono i tuoi modi di pensare e ascendono se sei leggero. Di acqua abbiamo più dell’80% e sono i sentimenti ed evaporano. E terra siamo meno del 20%, cosa ti costa portarti via questo?” – – E perché vuoi il corpo? – – Ovvio, per godermela, perché mantieni i 5 sensi e ormai non soffri di attaccamenti. Adesso sono qui con noi gli spiriti di mio marito e di mia figlia. – – Ciao. – – Il morto più recente della mia famiglia è mio suocero, che se ne é andato a più di 90 anni. Tre mesi prima di morire decise il giorno. “Se me ne dimentico – ci disse – ricordatemelo “. Arrivò il giorno e glielo ricordammo. Si lavò, si mise vestiti nuovi e ci disse: “Ora me ne vado a riposare”. Si buttò sul letto e morì. Lo stesso vi posso raccontare di mia bisnonna, dei miei genitori, delle mie zie.

G.: E lei, nonna, come vuole morire?

A.M.: Come il mio maestro Martinez Paredes, un maya poderoso. Andò in montagna: “Al tramonto venite a prendere il mio corpo”. Lo si udì cantare tutto il giorno e quando andarono a cercarlo, la terra era piena di orme. Così voglio morire io, danzando e cantando. Sapete cosa ha fatto mio padre?

G.: Cosa ha fatto?

A.M.: Una settimana prima di morire andò a raccogliere i suoi passi. Percorse i luoghi che amava e visitò la gente che amava e si prese il lusso di salutare. La morte non è morte, è la paura che abbiamo del cambiamento. Mia figlia mi sta dicendo: “Parla di me” e perciò vi parlerò di lei.

G.: Anche sua figlia decise di morire?

A.M.: Sì. C’è molta gioventù che non può realizzarsi, e nessuno desidera vivere senza senso. – –

G.: Cosa vale la pena?

A.M.: Quando guardi gli occhi e lasci entrare l’altro in te e tu entri nell’altro e diventate uno. Questa relazione di amore è per sempre, lì non c’è noia. Dobbiamo capire che siamo esseri sacri, che la Terra è nostra madre e il Sole nostro padre. Fino a pochissimo tempo fa gli Huicholes (NdT: detti anche Wirrarika o Wixarika o Huichol, sono nativi americani della Sierra Madre Occidentale del Messico, adorano il cactus allucinogeno peyote) non accettavano contratti di proprietà della terra. “Come sarei proprietario della madre Terra?” dicevano.

G.: Qui la terra si sfrutta, non si venera.

A.M.: La felicità è tanto semplice! Consiste nel rispettare ciò che siamo, e siamo terra, cosmo e grande spirito. E quando parliamo della madre terra, parliamo anche della donna che deve occupare il suo posto di educatrice.

G.: Qual’è la missione della donna?

A.M.: Insegnare all’uomo ad amare. Quando avranno imparato, avranno un’altra maniera di comportarsi con la donna e con la madre terra. Dobbiamo vedere il nostro corpo come sacro e sapere che il sesso è un atto sacro, quello è il modo per renderlo dolce e ci riempie di senso. La vita arriva per mezzo di questo atto d’amore. Se banalizzi questo, cosa ti resta? Restituire il potere sacro alla sessualità cambia la nostra attitudine verso la vita. Quando la mente si unisce al cuore tutto è possibile. Voglio dire qualcosa a tutto il mondo… Che possono usare il potere del Grande Spirito nel momento in cui lo vogliano. Quando capisci chi sei, i tuoi pensieri diventano realtà. Io, quando ho bisogno di qualcosa, lo chiedo a me stessa. E funziona.

G.: Ci sono molti credenti che pregano Dio, e Dio non concede.

A.M.: Perché una cosa è chiedere l’elemosina e un’altra ordinare a se stessi, sapere cos’è ciò di cui hai bisogno. Molti credenti son diventati dipendenti, e lo spirito è totalmente libero; di questo bisogna convincersi. Ci hanno insegnato ad adorare immagini invece di adorare noi stessi e adorarci tra di noi.

G.: Senza sentirsi imbarazzati.

A.M.: Dobbiamo utilizzare la nostra ombra, essere più leggeri, affinare le capacità, capire. Allora è facile curare, esser telepatici e comunicare con gli altri, le piante, gli animali. Se decidi di vivere tutte le tue capacità per fare il bene, la vita è piacere.

G.: Da quando lo sa?

A.M.: Alcuni momenti prima di morire mia figlia mi disse; ” Mamma, prendi la tua pipa sacra, devi condividere la tua saggezza e viaggerai molto. Non temere, io ti accompagnerò.” Io vidi con grande sorpresa come lei si incorporava al cosmo. Sperimentai che la morte non esiste. L’orizzonte si ampliò e le percezioni persero i limiti, per questo ora posso vederla e ascoltarla, lo crede possibile?

G.: Sì.

A.M.: I miei antenati hanno lasciato a noi nonni la custodia della conoscenza: “Verrà il giorno in cui si ritornerà a condividere in circoli aperti”.

Credo che questo tempo è arrivato.

Intervista originale: Cuadernodemujeres– Traduzione: Lasoffittadellestreghe – Rivisto ed editatoda Dionidream

RITUALE DI SINTONIA ENERGETICA CON IL CIRCUITO GRAFICO CON L’USO DEL REIKI



Per chi pratica Reiki, metodo Usui, suggerisco il seguente rituale per entrare in sintonia energetica con il circuito e lo scopo per cui viene utilizzato, in modo tale che l’operatore, il circuito e il richiedente diventino un tutt’uno energetico.

Dopo aver preparato il circuito grafico, nel senso di aver posizionato su di esso ogni elemento e aver poi orientato il tutto sull’asse magnetico Nord/M- Sud/M, si procede come segue:


  • -  Tracciare sul circuito il 1° Simbolo Reiki e pronunciare il suo mantram per 3 volte come apertura e per dare energia al rituale.
  • -  Tracciare sempre sul circuito il 2° Simbolo Reiki e pronunciare il suo mantram per 3 volte.
  • -  Tracciare ancora una volta su di esso il 1° Simbolo e pronunciare il suo man- tram per 3 volte.
  • -  Ripetere per 3 volte: “circuito grafico radionico”, poi, pronunciare per 3 volte: “energia per eseguire il lavoro a distanza ... (specificare il tipo di intervento), per cui è stato creato”.
  • -  Tracciare un’ultima volta il 1° Simbolo e ripetere il suo mantram per 3 volte.
  • -  Ringraziare la Supremità per l’attenzione e per l’energia che ci ha dato.
  • -  Per terminare, sfregare le mani tra di loro e poi soffiare tra di esse.
    A questo punto l’operatore è pronto a livello energetico per iniziare il tratta- mento che si è preposto di trasmettere. 


Radionica
Studio e pratica della Radionica - Completo di 84 circuiti e 7 quadranti
Voto medio su 12 recensioni: Da non perdere

Cromopuntura per diarrea o stitichezza

Cromopuntura per diarrea o stitichezza, trattare il punto con penna per cromopuntura punta piramidale IC4 intestino crasso 4 segnato in figura con il colore GIALLO in caso di diarrea, invece usare il colore VIOLA in caso di stitichezza, durata del trattamento
1 MINUTO  o più' a seconda della gravita'

Aticolo correlato
http://cromopuntura-cromos.blogspot.it/2015/02/stitichezza-e-diarrea.html

giovedì 15 settembre 2016

LA MAGIA COME SCIENZA ...

La magia come scienza del modificare la realtà.

La magia è l’arte di modificare la realtà. Israel Regardie scrive che “la magia è l’arte di applicare cause naturali per produrre effetti sorprendenti”; Crowley diceva che “lo scopo generale della magia è influenzare il mondo dietro le apparenze, per poter trasformare le apparenze stesse”.
Il mago non è un tizio vestito in modo strambo che fa uscire un coniglio dal cilindro. Il mago è colui che riesce a modificare la realtà attorno a sé, facendo prendere agli avvenimenti la piega che vuole lui.
È magia ad esempio cercare di attirare a sé la persona amata, cercare di attirare ricchezze, ma anche guarire un ammalato (in genere in questi casi si parla di magia bianca) o far ammalare una persona sana (e in genere qui si parla di magia nera).
Primo punto fermo è quindi il seguente: la magia è l’arte di modificare la realtà esterna attorno a noi.
Come si ottiene la modificazione della realtà?
Con l’evocazione di angeli, la recitazione di formule, con la forza di volontà, con procedimenti e riti particolari.
In realtà il mago non fa né più né meno che quello che fanno quasi tutte le persone, ad eccezione degli atei e dei materialisti convinti: il cattolico si recherà a Lourdes o invocherà Padre Pio, l’induista praticherà forme di meditazione (sono strabilianti i “miracoli” compiuti dagli Yogi orientali), il buddhista reciterà dei mantra, altri ritengono di avere un contatto coi propri defunti, ecc.
La differenza è che il mago chiama la sua arte “magia”, appunto, mentre il buddhista parlerà di “legge mistica”, l’induista parlerà di poteri yogici, il cattolico dirà che ha ricevuto la grazia dalla Madonna, San Gennaro, Padre Pio, ecc. e spesso discorre di miracolo ritenendo ottusamente che i miracoli li possa fare solo la Madonna, e non sapendo che la produzione di eventi eccezionali è assolutamente normale presso la maggior parte delle comunità etniche nel mondo.
Ulteriore differenza è che il mago, oltre alle invocazioni di entità superiori, userà qualsiasi altro strumento, connesso alla forza di volontà e all’arte magica in generale.
In definitiva possiamo dire che la differenza di fondo tra magia e religione è che il mago studia questi fenomeni in modo scientifico, mentre il cattolico o il buddhista in linea di massima sono inconsapevoli di quello che fanno e se gli dici che l’invocazione della Madonna o la recitazione del Daimoku o dell’Om Mani Padme Hum, dell’Om Namah Shivaya, ecc. sono atti magici si offendono pure e pensano che tu stia bestemmiando.

La magia come scienza del cambiamento di sé stessi.

Il presupposto fondamentale perché la magia funzioni è che il mago modifichi se stesso e cambi internamente.
Secondo punto fermo è quindi che la magia, per essere efficace, ha bisogno di un cambiamento interiore del mago.
Non per niente, con mia sorpresa, ho potuto constatare che su tutti i testi di magia, da quelli più antichi ai più moderni, si insiste molto sulla meditazione e sulle varie tecniche di miglioramento di se stessi.
Scrive Regardie che la via mistica si può raggiungere in due modi: con la meditazione e lo yoga, o con la magia, ma combinando insieme le due tecniche i risultati saranno eccezionali.
Addirittura ho trovato in molti testi di magia la recitazione di mantra tipici dell’induismo o del buddhismo (dal classico OM, all’Om Mani Padme Hum del buddhismo tibetano) e tecniche di meditazione yoga prese pari pari dall’Oriente, e praticate da sempre da Templari e Rosacroce, che le avevano apprese in Oriente.
Anche nel libro “Magick” di Aleister Crowley si insiste molto sulla meditazione e lo yoga.
In alcuni libri di magia si fa espresso riferimento agli esercizi spirituali di Ignazio di Loyola (il fondatore dell’Ordine dei Gesuiti) che sono da molti considerati i più efficaci in ambito magico. Nel suo libro “Esercizi spirituali”, Ignazio di Loyola dà consigli di meditazione e immaginazione che, secondo Franz Hartmann, servono per sviluppare i poteri della mente e dell’anima.
Peraltro, con mia somma sorpresa, ho potuto constatare che nei testi di magia di Papus, di Dion Fortune, di Eliphas Levi, e in altri si insiste non solo sulla necessità che il mago pratichi la meditazione, ma che segua un regime alimentare vegetariano, senza alcool, e sano.
In altre parole, ad approfondire l’esoterismo e la magia si scopre che quelle che vengono fatte passare per “teorie new age” o per scoperte moderne, erano già ampiamente praticate e consigliate da maghi e alchimisti del 1500, del 1700 e del 1800.

La magia come scienza della natura e come unione col divino.

Infine, un concetto importante da capire è che la magia, per funzionare, deve procedere in accordo con la natura; il mago riesce a provocare un cambiamento nella realtà materiale, solo se questa volontà è in profondo accordo con la natura stessa delle cose da cambiare.
Il mago cioè, per operare, deve anche essere un profondo conoscitore della natura, dei suoi ritmi, e dei suoi segreti.
Ma la natura è il prodotto di Dio, e quindi, per essere in armonia con la natura, occorre essere in armonia con Dio e con il divino.
Gesù poteva produrre tutti quei miracoli perché era in assoluta armonia con Dio e la natura. Ma miracoli analoghi a quelli di Gesù erano e sono prodotti anche da Yogi indiani, che da secoli sono maestri nell’arte di entrare in comunione con il divino e con la natura (il termine Yoga infatti significa unione, e in particolare unione col divino, quindi lo scopo dello Yoga è proprio quello di elevare lo spirito per entrare in contatto con Dio).
Secondo Israel Regardie, lo scopo del teurgo è “l’acquisizione dell’autoconoscenza e l’unione con il divino” (L’Albero della Vita, pag. 99).
Eliphas Levi diceva che la magia è “la scienza tradizionale dei segreti della natura”.
Mentre per Eugène Canseliet è “l’arte divina che consiste nel prendere contatto con l’anima universale”.
La magia, diceva Crowley, non è un modo di vivere, ma IL modo di vivere.
Considerando che l’uomo è fatto a immagine e somiglianza di Dio, e che il principio fondamentale della magia è il famoso principio “come in alto così in basso” di Ermete Trismegisto (che è l’equivalente del “come in cielo così in terra” del Padre Nostro cristiano), l’uomo deve conoscere se stesso per poter essere in armonia con Dio, e conoscere Dio per essere in armonia con se stesso.

Aleister Crowley diceva di sé stesso che era uno strumento di esseri superiori che controllano il destino umano.
“Siamo tutti parti di Dio, non semplicemente timbri che riproducono il suo nome, noi siamo poemi ispirati da Dio, i figli generati dalla sua follia amorosa”.
E altrove, sempre Crowley, disse: “La Grande Opera significa entrare in unione con l’infinito e liberare la divina scintilla di luce imprigionata nel corpo”.
“Amore è l’unica legge, Amore sotto il dominio della Volontà”, era un altro dei motti di Crowley.
La stessa cosa che dicono i cristiani, i buddhisti, gli induisti, gli sciamani.

Paolo Franceschetti

mercoledì 14 settembre 2016

Liudmila Puchkò; le 4 cause di malattia




Tutte le cause profonde delle malattie del nostro organismo, legate all'azione delle strutture a forma d'onda, Liudmila Puchkò suddivise in 4 gruppi

1. Influenze negative energetico- informazionali esterne, come le maledizioni di famiglia, programmi (malocchio, fatture), strutture di magia nera di forma diversa (spirale, sfera, piramide ecc.), provenienti dalle persone, nonché la possessione da parte delle entità negative (entità aurali, entità terrestri).

2. Influenze negative informazionali interne e cioè, registrazioni, da parte dell'organismo, in forma olografica, di diversi stati psicofisiologici negativi. Vengono realizzate nell'arco di tutta la vita, e si conservano nel subconscio sotto forma di formazioni patologiche stabili (engrammi).

3. Influenze negative causate dall'azione dei germi patogeni. I germi (virus, batteri, funghi, elminti, protozoi) si stabiliscono nell'organismo e causano delle malattie acute, sub- acute e latenti (in questo caso i germi sono dormienti). In questo gruppo vengono incluse anche le irradiazioni delle infezioni eteriche, astrali, mentali e delle entità (eteriche, astrali, mentali).

4. Formazione patologica stabile sotto forma di un agglomerato di influenze informazionali esterne ed interne, il cosiddetto «sistema dell'esperienza condensata», usando il termine della psicologia transpersonale. Questo agglomerato nasce secondo il principio «simile attira simile».


Il primo gruppo di cause é estremamente importante ed interessante. Tutti sappiamo che a volte stiamo male perché siamo traumatizzati da un rapporto difficile con qualcuno, dall’incontro con una persona che ci invidia, anche inconsciamente (ci “affattura”), o perché nella nostra famiglia non abbiamo mai avuto rapporti sereni. Ma quanto tutto ciò incide realmente sulla nostra salute? Secondo la teoria della Puchkò, molto. Da diventare, addirittura, una delle cause principali di certe malattie croniche.

Detto sinteticamente, la gran parte di questi fenomeni comprende il cosiddetto “malocchio”. La Puchkò ha provato ad applicare la fisica anche a queste influenze invisibili, considerandole come strutture energetiche, e quindi dotate di parametri fisici. Secondo il suo metodo, queste possono essere scoperte radiestesicamente (calcolando le loro lunghezze d’onda), quindi intercettate (scoprendo dove nell’organismo e nelle strutture sottili hanno prodotto danni) ed eliminate!

Nella stessa categoria rientrano le entità aurali e terrestri di cui abbiamo già parlato, le infezioni eteriche, astrali e mentali, e una assolutamente affascinante ed enigmatica struttura energetica di origine cosmica, detta SEMC (Struttura Energetica Multidimensionale di Comando), che colpisce soprattutto i corpi sottili, per poi iniziare il suo viaggio dentro di noi, cambiando continuamente le lunghezze d’onda e il numero delle risonanze. Secondo la Puchkò le SEMC sono tra le principali responsabili delle malattie gravi come le emorragie cerebrali, l’infarto, la malattie oncologiche, ecc. A volte tutte quelle “meraviglie” si presentano sotto forma di un “solitone olografico”, una specie di “parassita energetico” che possiede un nucleo primario che potrebbe attirare successivamente decine se non centinaia o migliaia di vibrazioni negative secondarie

Direi alcune parole in merito al secondo gruppo delle cause, anch’esso importantissimo. Si tratta degli “engrammi”, ovvero delle registrazioni, spesso inconscie, delle parole, delle situazioni o stati d’animo, che popolano il nostro inconscio*. La Puchkò descrive degli engrammi karmici, prenatali, infantili, e di tutto l’arco della vita umana. La parola cura ma anche ferisce. Una volta udita o letta, viene sempre registrata, anche se non ne siamo coscienti. Certe volte un engramma ha una parola -“chiave” (in questo caso la Puchkò consiglia di consultare la lista delle parole-chiavi del fondatore della dianetica R.Habbard, o di cercare tali parole nella propria memoria), e certe volte è una registrazione di un emozione



Molti engrammi rappresentano delle cause profonde delle malattie croniche, e, come nel caso delle entità, diverse volte, eliminandoli, si riesce ad ottenere un’evoluzione della malattia verso la guarigione


L’ incoordinazione della controparte eterica e delle sue strutture è, per la Puchkò, una delle principali cause della maggioranza delle malattie non infettive.



Una comune frase «tutte le malattie sono causate dalllo stato dei nervi» è pienamente confermata se viene a mancare la coordinazione tra i 7200 piccoli meridiani e le loro parti materiali che sono i nervi... I problemi dell'incoordinazione, se riguardano gli organi come il duodeno, la vescicola biliare, i reni, gli ureteri, la vescica, comportano la duodenite, la formazione della renella, dei calcoli ed altre malattie del ricambio. Che cosa potrebbe causare l'incoordinazione? Non solo una caduta per terra, un incidente, ma anche un intervento chirurgico, uno stress, una struttura di magia nera, una maledizione di famiglia, un engramma, l'esistenza della mente collettiva dei germi patogeni, ecc.



Olga Samarina



  


lunedì 12 settembre 2016

Il rituale pervade le “tecniche di guarigione”

“La paura non è mai così tanto insidiosa come quando si maschera per assumere la parvenza dell’amore. La paura è l’unica cosa che si mette tra voi e chiunque altro, voi e qualunque cosa... compreso il vostro obiettivo di diventare un guaritore esperto. La paura è solo l’assenza di amore, proprio come l’oscurità è l’assenza di luce. Così come quando gettate la luce nell’oscurità la luce diventa l’unica presenza, se portate amore in un luogo dove prima c’era paura, scoprite che la paura non c’è più.”


“Il rituale pervade le “tecniche di guarigione”. I rituali riempiono una moltitudine di vuoti, compresa la sensazione di non essere abbastanza”

“Sedetevi per un attimo, sostenetevi, e se avete un paio di collane di aglio indossatele pure perché sto per dirvi qualcosa che potrebbe scuotere qualcuno dei vostri falsi principi: non esiste una cosa come il male. Non esistono entità il cui scopo nella vita è quello di generare il caos nelle vostre vite o nascondersi in ”“stanze buie e dentro gli armadi in attesa del momento giusto per saltar fuori e urlare “booo!”. Non solo, non hanno dei cugini che si attaccano alle vostre spalle e che per essere scacciati hanno bisogno di sedute che durano settimane o mesi, o che possono essere tenuti lontani per mezzo di amuleti e pendagli estremamente costosi ed arricchiti di gemme. Smettetela di adularvi così tanto. Queste sono soltanto fantasie e creazioni della vostra mente. Se anche una di queste entità fosse mai esistita sarebbe morta. Probabilmente sono morti dalle risate pensando a tutto ciò che avete fatto nel tentativo di proteggervi da loro. Un’entità è morta proprio ieri dopo aver scoperto quanti soldi avete speso per un amuleto..

Diamo uno sguardo ad alcuni dei nostri rituali basati sulla paura.

Fiori – per tenere lontani i fantasmi.

Scuotere le mani – per liberarsi dell’energia negativa degli altri raccolta durante le sedute di guarigione.

Ciotole di acqua – per catturare l’energia negativa che vi siete scrollati di dosso scuotendo le mani.

Sale – da mettersi nell’acqua per interrompere il flusso di energie negative catturato dall’acqua dopo che voi l’avete tolta dalle vostre mani.

Alcool – da spruzzare sulle mani in caso non abbiate le ciotole, il sale e l’acqua.

Candele – per bruciare alcuni colori a scopo protettivo.

Direzione del movimento – voltarsi o camminare soltanto in determinate direzioni (destra, sinistra, in senso orario, in senso antiorario, secondo quanto vi è stato insegnato dalla vostra scuola o secondo quanto prescrive quella data corrente di pensiero).

Direzione e ubicazione – il paziente dovrà essere disteso in una determinata direzione (la testa che guarda il nord, sud, est o ovest, sulla base di quanto prescrive la vostra scuola o la corrente di pensiero).

Mani – la mano destra è quella che invia; la sinistra è la mano che riceve. Gioielli e/o indumenti in pelle – se non vengono rimossi possono interferire con la guarigione.

Esalazione – soffiare o tossire via l’energia negativa.

Incrociare le colonne vertebrali – stare alla destra della persona se si lavora sul lato destro; stare alla sinistra se si lavora sul lato sinistro, al fine di non incrociare la sua spina dorsale.”

“Fazzoletto – per asciugare le lacrime dopo aver riso a crepapelle tanto da spegnere le candele o dopo aver pianto a dirotto quando avete scoperto di aver ucciso i fiori mettendoli nell’acqua salata nella quale invece avreste dovuto sciacquarvi le mani... e le preghiere non sono riuscite a riportarli in vita.

Non possiamo venire dall’amore mentre rafforziamo il concetto di paura. Come cultura, decoriamo le nostre paure con rituali, e poi ci inganniamo pensando che questi rituali siano una forma di amore. Diminuiamo il valore delle preghiere quando le usiamo per protezione; usiamo le preghiere e questi altri rituali per proteggerci da cosa? Niente altro che dalla natura amorfa delle nostre paure




Passi di: Eric Pearl. 

domenica 11 settembre 2016

Il programma per la normalizzazione del cuore




Il programma per la normalizzazione del cuore

Su richiesta di alcuni dei miei abbonati é stato creato il programma per la normalizzazione del cuore e del sistema cardiovascolare. Il programma utilizza le frequenze che hanno un effetto benefico sul cuore e il sistema vascolare e cardiovascolare.
È possibile ascoltare in qualsiasi momentoi, non esiste nessuna restrizione di tempo ne' di ascolto.
Prendere una posizione comoda seduti o sdraiati , indossare le cuffie (per il programma è necessario  ascoltare con cuffie stereo) poni l'attenzione all'interno nella zona del cuore. Dopo un paio di minuti sentirete un piacevole calore,

Il programma può essere ascoltato più volte al giorno, in qualsiasi momento, il programma rimuove stress e tensione dalla zona del cuore e  sentirete subito un piacevole relax e calore.

Le persone con problemi vascolari sistema cordiale-ridondante è molto importante ascoltare il ritmo di un normale cuore sano, questo è ciò che rende un programma efficace. Gradualmente si entra in un bel ritmo e il lavoro del vostro cuore torna alla normalità, saranno così' rimossi  i blocchi e le tensione, che sono in realtà la vera causa dei problemi.
Eccellente alternativa alla valeriana!


Advanced Mind Institute

sabato 10 settembre 2016

IL RUOLO DEL GUARITORE

Per pura convenienza, spesso parlo di me come di un “guaritore”, ma la verità è che non lo sono. Non guarisco nessuno. D’altra parte non lo farete neanche voi. Se siete, o volete diventare un guaritore, il vostro compito è semplicemente quello di ascoltare e di aprirvi per ricevere l’energia che vi permette di divenire il catalizzatore che guarisce il vostro paziente. Quella della guarigione è una decisione stipulata tra il paziente e l’universo.

(Sempre per convenienza, e anche per abitudine, uso la parola paziente quando mi riferisco alla persona che si rivolge a voi per una guarigione; potrei riferirmi a quella persona come l’individuo sul vostro tavolo, sia esso il lettino per il massaggio o un tavolo per visite, ma potrebbe anche essere un divano, un letto o qualunque altro posto ritenuto conveniente. Quando uso il termine paziente, non vi sto dando la qualifica di dottore, e comunque la cosa non vi sarebbe d’aiuto. È semplicemente la parola che a me viene più facile. Se vi piace pensare a queste persone come clienti, o se c’è un’altra parola che vi piace di più, sentitevi liberi di usarla. Se poi ne trovate una ancora migliore, fatemela sapere!)

L’“ascolto” del quale parlo è uno stato di recettività dell’essere. Quando ascoltate un suono, i vostri timpani ricevono delle vibrazioni di una specifica frequenza, cioè onde sonore. Quando ascoltate “più attentamente”, ciò che fate è tentare di ottimizzare la recettività. A volte per farlo mettete anche le mani attorno agli orecchi. Quando “ascoltate” da guaritori portate questo focus recettivo nelle mani o in qualunque parte del vostro corpo funga da punto focale delle vostre energie. È in questo stato recettivo che il miracolo della comunicazione raggiunge un livello totalmente nuovo.

In qualità di “guaritori” siamo un anello nella catena della riconnessione. L’energia che guarisce proviene dalla Sorgente, scorre dentro e attraverso di noi, emana da e verso di noi. Questa energia è come la luce che filtra attraverso un prisma.Noi siamo il prisma. Ci uniamo al paziente e all’universo, generando un campo che è costituito di amore, nel senso più alto della parola, e unità. I bisogni del paziente vengono riconosciuti dall’universo che fornisce le circostanze e le risposte a questi bisogni.”

Eric Pearl.


STIMOLAZIONE DELTA




Descrizione:

I ritmi delta sono i più lenti ritmi del nostro cervello, dominano al momento dell'entrata nel sonno profondo. Quale azione positiva svolgono?

Abbassamento dello stress e del dolore. Gi scienziati hanno stabilito che la stimolazione dell'attività delta del cervello svolge un'azione positiva sul cervello, abbassa lo stress e aiuta a eliminare alcuni tipi di dolore cronico. La prima ricerca in assoluto fu condotta nel 1985, nel corso della quale fu confermata la capacità dei ritmi delta di ridurre alcuni tipi di dolore, soprattutto il mal di testa.

Nel corso di questa ricerca un gruppo di 15 pazienti fu trattato con onde delta con la frequenza da 1 a 3 Hz, per un quarto d'ora. Tutti i pazienti tranne uno notarono l'abbassamento oppure la sparizione totale di un dolore che avevano prima dell'inizio della seduta. Per escludere l'effetto placebo ad un gruppo di controllo fu proposto di ascoltare i ritmi delta, mentre in realtà loro ascoltarono una semplice musica. Un solo paziente (su 8) aveva dichiarato che il dolore era sparito.

Questa ricerca aveva provato che l'effetto placebo è assente durante la stimolazione con i ritmi delta.
Una ricerca del 2005 doveva studiare l'azione dei ritmi delta sull'abbassamento dell'ansia sui pazienti che dovevano affrontare un intervento chirurgico. Un gruppo di 108 persone fu diviso in tre gruppi. Un'ora prima dell'intervento fecero un test psicologico per la valutazione del grado dell'ansietà. Al primo gruppo fu proposto l'ascolto di una registrazione con i ritmi delta binaurali, al secondo, l'ascolto della registrazione identica ma priva dei ritmi binaurali, e il terzo gruppo non ascoltò nulla. Dopo 30 minuti fu fatto il secondo test psicologico.

Nel primo gruppo l'ansia era diminuita del 26,3%. Nel secondo gruppo, che ascoltava la semplice musica, l'ansia era diminuita del 11,1%; e nel gruppo di controllo che non ascoltò nulla, l'ansia era diminuita del 3,8%. Questa ricerca clinica aveva provato che l'azione delle onde delta sulla coscienza non provoca l'effetto placebo.
Il miglioramento della qualità del sonno.

Altri 49 pazienti furono suddivisi in 3 gruppi; il primo gruppo ascoltò i ritmi delta 30 minuti prima di andare a dormire, il secondo assunse dei farmaci per dormire e il terzo prese degli integratori, aminoacidi, minerali e vitamine. Ogni mattina, per un mese, tutti i pazienti dovettero rispondere a delle domande sulla qualità del sonno. I risultati furono sconvolgenti: la qualità del sonno del primo gruppo, rispetto al secondo e al terzo gruppo, migliorò del 58%.

Il miglioramento della salute, il ripristino del sonno.
Nel sonno avviene il recupero delle forze, l'accumulo dell'energia, il ripristino dell'organismo. Molti ricercatori sottolineano il collegamento tra la qualità del sonno e la longevità: praticamente tutti gli ultracentenari dormono bene, senza disturbi.

L'uomo moderno è sottoposto all'influenza di molti fattori di stress, e la qualità del suo sonno lascia desiderare. La stimolazione con i ritmi delta nelle ore serali aiuterà a migliorare il sonno, a evitare l'insonnia, a ripristinare le forze, renderà il sonno più profondo. Usando regolarmente questo programma diventerete più calmi, più sicuri, risponderete meno agli influssi negativi inevitabili in una società ad alto tasso dello sviluppo tecnologico. Una stimolazione delta vi aiuterà a dimenticare molte malattie, perché la radici di tanti disturbi psicosomatici si trovano al livello delta.
Come usare questo programma?

Le ore migliori sono quelle serali, prima di andare a dormire. In questa ore l'organismo è più predisposto ai ritmi delta. Questo non significa che non possiate usare il programma in altre ore della giornata, semplicemente, le ore notturne e serali sono le migliori. Non preoccupatevi se vi addormenterete durante l'ascolto; è un buon segno.
Come meditare?


Assumeteunaposizionecomoda, chiudetegliocchi (OBBLIGATORIAMENTE!), fermate il dialogo interiore, e già dopo alcuni minuti entrerete in un piacevole stato di rilassamento. L'audio deve essere confortevole, né alto né basso. Prima di meditare è meglio bere un bicchiere d'acqua. E' molto importante, perché durante la stimolazione delta l'organismo si libera delle tossine, il che necessita diuna certa quantità di liquidi. La prima parte del programma (12 minuti) è quella introduttiva, nel corso della quale il cervello si predisporrà ai ritmi delta. Il programma nizia con i ritmi alfa, poi prosegue con i ritmi theta e dal 12° minuto inizia la stimolazione delta. Sono state usate molte tecnologie audio che si completano e si amplificano.

Advanced Mind Institute

lunedì 5 settembre 2016

I CILINDRI EGIZIANI

molte statue raffiguranti i Faraoni egiziani, solo di un certo periodo storico, sono state rappresentate con in mano qualcosa che sembra assomigliare a dei cilindri. Le spiegazioni per capire cosa fossero tali "cilindri" si sono succedute nel tempo, fino a pensare che fossero contenitori per papiri, manici per barelle e così via. Cosa sono quei cilindri? Perchè molti Faraoni li usavano?
Il Faraone era spesso rappresentato con dei cilindri in mano, uno a destra e uno a sinistra. Quello di sinistra rappresentava il femminile, la luna, lo yin, ed era di zinco e argento. Quello di destra rappresentava il sole, il maschile, lo yang, ed era di oro e rame. Rame e zinco sono i due poli della pila! I Cilindri erano riempiti con della sabbia bianca di quarzite e altri minerali.
Gli egiziani avevano scoperto che i Cilindri amplificavano l'energia vitale. I Cilindri amplificano la forza mentale della persona per cui le danno la possibilità di realizzare i propri sogni nella realtà.
Ai tempi dei Faraoni ve ne erano diversi tipi ed alcuni potevano essere toccati solo da determinate classi sociali.
I sacerdoti (e anche il Faraone, in quanto primo sacerdote di Ra) erano gli unici autorizzati ad utilizzare i cilindri di cristallo puro: dovevano eseguire un addestramento di 22 anni. I Cilindri di cristallo, i più preziosi, gli permettevano di 'unirsi al futuro'. Il Sacerdote stringeva il cilindro per 5 minuti o più e in un preciso momento previsto dal rituale egli "costruiva il futuro" attraverso un processo di visualizzazione.
Questo ENERGIA MENTALE agiva sui canali sensoriali, permettendo alla persona di godere effettivamente dell'odore, della visione e del suono del futuro desiderato. Le immagini appaiono in ogni varietà di colori e sono conservate dalla coscienza finché questo desiderio è piacevole per la persona.


Conte Walewski
Per la prima volta dopo millenni di distanza dagli antichi faraoni egiziani, il mistero di questi cilindri viene a galla grazie ad una descrizione che un diplomatico polacco dell'inizio del '900, il Conte Stefan Colonna Walewski, ne fa in uno strano manoscritto conosciuto come Il manoscritto dello Yoga Caucasico.
Purtroppo di questo Conte Walewski si hanno poche notizie biografiche, tutte imperniate sul suo arrivo come diplomatico a New York verso la fine degli anni venti, dove divenne un personaggio famoso per la generosa filantropia e per il suo negozio, Esoterica, nel quale vendeva oggetti di arte orientale, antichità e curiosità archeologiche che gli arrivavano misteriosamente. A New York si narrava che Esoterica fosse la porta di un altro mondo nel quale la magia, i demoni e i talismani erano reali quanto la metropolitana e le insegne al neon. Walewski stesso raccontava che, nel corso della sua attività diplomatica per il governo po­lacco, dovette compiere molti viaggi in Europa e in Asia Minore. In particolare, negli anni venti, durante un soggiorno nelle montagne del Caucaso, incontrò, in maniera fortuita, i membri di una setta zoroastriana che lo accolsero a patto di non divulgare notizie riguardo al loro gruppo. Dai suoi maestri egli ricevette molti insegnamenti di potere tra cui quello di riuscire, appunto, a “richiamare a sé qualsiasi oggetto”.
Oggi, proprio in onore al Conte Walewski il primo dei modelli dei cilindri è chiamato KONT, cioè CONTE.

Il manoscritto dello Yoga CaucasicoUna appassionate Forma Segreta di Yoga nel cui manoscritto è rivelato da dove sono nati i CILINDRI EGIZIANI...

Nel Testo sono spiegate tecniche di yoga indiano e tibetano e, soprattutto, inedite pratiche di potere caucasiche di origine zoroastriana che potrebbero essere le stesse che apprese Gurdjieff da giovane. Tra le altre cose, sistemi per creare la realtà, il potere della creazione e... i Cilindri Egiziani...

La storia ci indica che i Faraoni li usavano durante tutta la loro vita, armonizzato in loro i due flussi energetici principali, Yin e Yang, i due flussi di energia o principi, opposti e diversi, unificati, separati ed omogenei allo stesso tempo. Yin e Yang sono le due fonti di energia vitale e quando sono armonizzati, le funzioni vitali del corpo sono supportate correttamente e una persona vive felice e senza particolari problemi.



Info del manoscritto Yoga caucasico


Usando entrambi i Cilindri FREE, quello di rame (YANG/SOLE) nella mano destra e quello di zinco (YIN/LUNA) nella mano sinistra perpendicolarmente al suolo, essi ripuliscono a 360 gradi il campo energetico dell'utilizzatore.

Usati singolarmente, se si tiene solo il cilindro di rame (YANG/SOLE) nella mano destra, esso agisce come uno stimolante eliminando la fatica mentale e il nervosismo, mentre se lo si tiene nella mano sinistra ha un effetto calmante, contrastando efficacemente l'insonnia e disfunzioni cardiache. In alcuni casi il cilindro di rame (YANG/SOLE) si è rivelato efficace per migliorare l'efficienza del sistema immunitario.




“Come già sapete, opero con le energie e ho sperimentato molti dispositivi spirituali. I Cilindri Kont sono i migliori per mantenere il corpo giovane, sano e forte. Li uso sempre prima di meditare e di fare Qigong e comunque ogni volta che ho bisogno di ricaricare il mio sistema nervoso con energia pulita. I Cilindri Kont fungono da generatori Orgonici che trasmettono energia nel corpo partendo dalla struttura molecolare del carbonio nel Cilindro. L'energia trasmessa è possente nella natura ed è del medesimo tipo di quella che può sentirsi all'interno di una piramide. Molto rivitalizzante.



attraverso l'utilizzo dei Cilindri TRINITY, è possibile avere una percezione più unitaria della realtà rispetto al solito, il che consente di vedere istantaneamente nel cuore delle cose e di avere una barriera protettiva contro le energie umane negative.
Grazie a questo mutata percezione della realtà, sostenuta dalle frequenze emanate dai Cilindri TRINITY, è possibile rilasciare e cancellare i blocchi e le programmazioni cellulari memorizzati come traumi emozionali irrisolti.
Inoltre i Cilindri TRINITY lavorano su tutte le forme-pensiero presenti nel corpo eterico, stimolando il risveglio dei chakra alti e il loro allineamento con quelli bassi. Inoltre è sufficiente usarli dai 9 ai 18 minuti per equilibrare l'energia Yin/Yang.


Il risultato prodotto da questi Cilindri è un effetto relax (serenità, pace) ed una riparazione energetica come avviene con la serie Kont. 
I Cilindri lavorano grazie al fatto che zincoe rame determinano una coppia polare che, se tenuti in mano, attivano i minerali in esso presenti; con la Shungite, che è un minerale elettricamente conduttivo, si ha una amplificazione di questo effetto, per questo immediatamente si avverte l'effetto di pace e relax e si avvia il processo elettrochimico di stabilizzazione del sistema nervoso. 






Rè Interiore: I BENEFICI DEI CILINDRI EGIZIANI

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...