... Non Solo Cromopuntura

martedì 29 settembre 2015

RITROVA LA TUA ENERGIA ANIMALE

 INTERFERENZE duodeno 18

2 punti ROSSI 2 ellissi ROSA trattare prima i punti partendo dal lato sinistro poi trattare le ellissi partendo dal lato sinistro ( ellisse circa mezzo dito di traverso e un dito di lunghezza) i punti rossi si trovano all'intersezione della linea mesoderma con l'osso zigomatico

1 min per punto 3 volte per ogni ellisse

Rimuove i blocchi dovuti ad un'eccessiva civilizzazione e RIMETTE IN MOTO L'ANIMALITA' SESSUALE

da fare in caso di DISTURBI SESSUALI, impotenza frigidita', in situazione di stallo, quando non ne posso piu' di te, problemi di relazione,

venerdì 25 settembre 2015

IL CERVELLO NON E' SOLO NELLA TESTA !



Quante volte è capitato ad ognuno di noi di desiderare fortemente una cosa con la testa, mentre il cuore ci spinge invece da un’altra parte, e magari la pancia ci dice qualcos’altro ancora! Forse non tutti sanno che, secondo alcune recenti ed innovative ricerche scientifiche, ognuno di noi non ha solo un cervello, ma dispone di ben 3 distinti centri nervosi.

E non ci riferiamo qui alla ben nota teoria del cervello ripartito, elaborata negli anni ’60 del secolo scorso da Paul Mc Lean, secondo la quale ci siamo evoluti a partire da un cervello rettiliano, per poi sviluppare un cervello limbico ed infine, molto più recentemente, abbiamo sviluppato la neocorteccia. In questo articolo vogliamo invece parlare dei 3 cervelli che sono localizzati in tre diversi organi del nostro corpo: uno, come ben sappiamo, nella testa, uno nel cuore ed uno nella pancia (in particolare nell’intestino).

Sul primo, il cervello encefalico, sappiamo già molto, anche se tanto ancora rimane da scoprire. E’ quello al quale normalmente ci riferiamo pensando al cervello. Se chiedessimo infatti a mille persone di indicare con un dito dove è il proprio cervello, molto probabilmente il 99,9% di esse lo farebbe puntando l’indice verso la testa.

C’è un secondo cervello, che forse molti non conoscono, che è localizzato nell’addome, è che è chiamato anche cervello enterico. Il primo a parlarne è stato Michael Gershon, della Columbia University, nel 1998 con il suo libro “Il secondo cervello” (pubblicato da UTET nel 2013). Gershon è considerato uno dei padri della neurogastroenterologia, una nuova disciplina che si occupa di studiare appunto questo sistema nervoso per curare in modo più efficace molti disturbi gastrointestinali.

A quanto pare abbiamo un centro neurale complesso e autonomo, un vero e proprio cervello, nella pancia che conta più di 500 milioni di neuroni e che ha una dimensione e articolazione simile a quello di un “cervello di un gatto”. Questi neuroni sono rintracciabili nei tessuti dell’intestino ed anche nell’esofago e nello stomaco. Il cervello enterico invia e riceve segnali nervosi comunicando direttamente con il cervello della testa e con altri organi. E produce anche una serie di ormoni e neurotrasmettitori, basti pensare che ben il 95% della serotonina nel nostro corpo viene da qui. C’è poi un terzo cervello che è localizzato invece nel nostro cuore, il cervello cardiaco. Nel 1991 Andrew Armour con la sua ricerca pionieristica sulla neurocardiologia ha introdotto il concetto di un vero e proprio “piccolo cervello” anche nel cuore.

Si tratta di un centro nervoso complesso che opera in modo autonomo rispetto al cervello encefalico. Nel cuore sono stati trovati più di 40.000 neuroni e si è scoperto che qui vengono sintetizzati e rilasciati anche diversi tipi di ormoni e neurotrasmettitori. Il cuore rappresenta inoltre il più potente generatore di energia elettromagnetica nel corpo umano, basti pensare che il campo elettrico del cuore è circa sessanta volte maggiore in ampiezza rispetto a quello del cervello encefalico, ed il suo campo magnetico ha un’intensità più di cinquemila volte superiore. Secondo studi dell’Istituto Heart Math, in California, la variabilità del battito del nostro cuore ha un’enorme influenza sul funzionamento del cervello encefalico e la comunicazione tra cuore e testa è molto più intensa e rilevante di quella che avviene nella direzione opposta, tra testa e cuore.

La comunicazione tra i nostri tre cervelli è in ogni caso molto importante e avviene ad ogni istante. A volte ci rendiamo conto, nella vita quotidiana, di come questi tre centri ci inviino messaggi anche contrastanti o contraddittori. Come si diceva all’inizio, tutti quanti probabilmente abbiamo sperimentato situazioni in cui testa, cuore e pancia pensano in modo diverso causando indecisione, malessere o anche conflitti interiori. E quindi, una volta che sappiamo di poter contare addirittura su tre cervelli, il punto è come utilizzare al meglio ciascuno di essi e soprattutto come allineare le loro intelligenze, come fare in modo che lavorino bene insieme.

A questo proposito, vogliamo citare un interessantissimo libro pubblicato recentemente da due ricercatori e trainer australiani, Grant Soosalu e Marvin Oka, che si intitola “mBraining” . Partendo dalle più recenti ricerche scientifiche sull’esistenza dei tre cervelli, i due autori hanno sviluppato un innovativo metodo per sviluppare la comunicazione e l’integrazione di testa, cuore e pancia, attraverso una serie di tecniche chiamate mBIT (multiple Brain Integration Techniques).

http://ununiverso.altervista.org/

giovedì 24 settembre 2015

L'analgesico neuro-acustico

Il programma "L'analgesico neuro-acustico" è stato scritto in base alle ricerche condotte dagli scienziati neuro-acustici Mike Twitty, David Sievers e il dr. Fred Boersma che provarono la capacità dei ritmi ultrabassi di eliminare i dolori cronici.

Il dolore cronico è spesso un sintomo di fibromialgia, una malattia che coinvolge il 4% della popolazione. La medicina ufficiale cura i dolori cronici soltanto con gli analgesici.

Che cos'è la fibromialgia?

Esistono diverse definizioni di questo disturbo; per esempio, “un dolore cronico, diffuso e simmetrico che coinvolge i muscoli e lo scheletro”.

I pazienti che presentano questo disturbo hanno i dolori cronici in tutto il corpo, dormono male, possono entrare in depressione (come conseguenza della fibromialgia). Sovente presentano la sindrome dell'intestino irritabile, la sindrome della stanchezza cronica, i dolori spastici (sindrome della sclerosi multipla), la sindrome dei piedi irrequieti, l'apnea; si sentono limitati nei movimenti.

I principali sintomi della fibromialgia sono:

i dolori diffusi in tutto il corpo, spesso simmetrici;
l'insonnia e lo scarso riposo durante le ore del sonno (la fase del sonno profondo è alterata);
la rigidezza al mattino;
l'affaticamento veloce;
la meteoropatia;
il mal di testa e le tensioni;
il senso di addormentamento degli arti (soggettivo);
i temporanei disturbi della concentrazione, della memoria;
l'impossibilità di fissare l'attenzione.


Nella fase acuta possono insorgere delle prolungate alterazioni statiche e dinamiche, variabili nel corso della giornata (come l'impossibilità di essere seduti, di stare in piedi, di camminare).
La fibromialgia è spesso scambiata per una depressione (un errore diffuso), per dei disturbi psichici, per un umore variabile (sono delle conseguenze probabili del dolore).
La cura con il suono

L'efficacia del suono nella cura della fibromialgia fu provata clinicamente dal dr. Fred Boersma che aveva usato i ritmi sub-delta, o epsilon (0,4 – 1 Hz) per la cura del dolore cronico. Il paziente che prima del trattamento prendeva fino a 35 compresse di antidolorifico al giorno, ridusse il consumo dei medicinali e si limitò di 2-3 compresse. Altri pazienti sottoposti alle stimolazioni con i ritmi epsilon mostrarono un forte miglioramento, alzando i livelli di serotonina e di betaendorfine. Il dolore era diminuito notevolmente e in alcuni casi era scomparso del tutto. Il ricercatore scoprì che tale trattamento contribuiva all'abbassamento della pressione alta negli ipertesi. Anche i sistemi limbico e immunitario iniziavano a funzionare meglio.

La conclusione degli scienziati fu univoca: la stimolazione con i ritmi epsilon influenza positivamente il nostro organismo, abbassando il dolore cronico o anche rimuovendolo del tutto, cosa impossibile per la medicina. L'efficacia di questa cura è nettamente superiore rispetto ai tradizionali preparati farmacologici.

Noi all'Istituto siamo andati anche oltre: abbiamo accompagnato i ritmi epsilon con alcune frequenze che stimolano il ripristino dell'organismo, contribuendo alla produzione di beta-endorfine. Come risultato, abbiamo proposto un programma unico che non solo tratta il dolore cronico, ma permette anche di normalizzare le funzioni dell'organismo.
Come lavorare con questo programma?

Assumete una posizione comoda e chiudete OBBLIGATORIAMENTE gli occhi; fermate il dialogo interiore. Già dopo alcuni minuti entrerete in un piacevole stato di rilassamento. Una persona media ci impiega circa 8 minuti. Prima di meditare è consigliabile bere un bicchiere d'acqua pura. Altri dettagli sulla tecnica di meditazione sono nell'articolo "Come meditare in maniera corretta".

Con questo programma si deve lavorare SOLO con le cuffie stereo, senza le cuffie il programma non funzionerà. Si lavora 1-2 volte al giorno, circa 15-20 minuti. All'inizio del lavoro potete non ascoltarlo fino alla fine, interrompendovi in qualsiasi momento. Il ciclo di lavoro con il programma include 6-8 settimane, dopo di che si deve fare un intervallo di 2 settimane. Al termine dell'intervallo è possibile riprendere il lavoro.

Occorre tenere conto del fatto che il programma non è una “pastiglia magica”; per avere un risultato occorre lavorare per alcune settimane, anche se già dopo alcuni giorni potreste notare un miglioramento delle vostre condizioni. Durante i primi giorni potrebbe verificarsi un leggero aggravamento, potrebbero insorgere dei dolori e formicolii in varie parti del corpo. E' una cosa normale, si tratta della sintonizzazione dell'organismo, che di solito termina in 3-4 giorni.

Quando lavorare. Le ore di lavoro più favorevoli sono: la 1° ora planetaria diurna, la 7° ora diurna, la 2° ora planetaria notturna. Per calcolare l'ora planetaria potete usare la pagina del sito: http://it.advanced-mind-institute.org/planetary_hour.html. Le ore planetarie favorevoli sono evidenziate in giallo, mente lo sfondo dell'ora corrente è verde.

Si può lavorare con il programma direttamente prima di dormire, in tal caso svolgerà un'azione calmante, ma i sogni potrebbero diventare più vividi.

Non si consiglia l'ascolto di questo programma ai malati di epilessia, ai portatori di pacemaker, alle donne in stato di gravidanza e ai ragazzi minori di 16 anni.

link


Advanced Mind Institute © Lenny Rossolovski 2014. All rights reserved, Tutti i diritti riservati
Solo per uso personale.

mercoledì 23 settembre 2015

"IL TRIANGOLO DELLA CONCENTRAZIONE"



"IL TRIANGOLO DELLA CONCENTRAZIONE" (presentato da M. Frisari)
CIRCUITO RADIONICO

Intanto sulla foto vedete una mia riproduzione di questo circuito, fatta a china, rigorosamente a mano, da una fotocopia (una volta ero molto precisa, ma è sempre così, nell'apprendimento: mentre stai imparando, hai bisogno di regole e di fare tutto per bene).

Scrive Frisari, commentando questo circuito:


- Si utilizza per soli 2 minuto al giorno.
Porre il circuito a Nord con una bussola e porre al centro del triangolo centrale (quello più interno, tracciato in neretto) il proprio testimone radioestesico o la foto, o una ciocca di capelli).

- Ha effetti straordinari sull'organismo e sulla mente. Stimola l'intelligenza, l'intraprendenza professionale ed intellettuale negli adulti. Produce una sana vivacità di spirito, per questo motivo è un ottimo anti-depressivo. Permette di comunicare meglio con gli altri i propri pensieri.

- Agli studenti concede la concentrazione necessaria per studiare libri ostici, materie pesanti ed impegnative. E' - pertanto - un supporto indispensabile ai ragazzi in tempo di ripasso e di semi scolastici difficili.

- Alle persone in "terza" età permette di mantenere la mente in grande freschezza ed in piena efficienza. Il suo uso regolare e costante nel tempo, permette di prevenire gli stati confusionali ed i cali di memoria così frequenti negli anziani.

Indizazioni:
- Morbo di Alzheimer in fase non conclamata
- Depressione psichica, anche se già in trattamento con psicofarmaci
- Esaurimento nervoso
- Stanchezza della mente con mancanza di concentrazione
- Stati confusionali da shock psicologico o da traumi sulla psiche
- Balbuzie.

martedì 22 settembre 2015

I LIVELLI DELLA COSCIENZA SECONDO IL DR. HAWKINS






























Se ne parla poco, ma la scala di Hawkins è utilissima, soprattutto ai radiestesisti, a coloro che sanno usare il pendolo.
Utilizzando tecniche derivate dalla kinesiologia, il dottor David Hawkins aveva inventato un metodo con cui si può misurare la verità (o la coscienza): su una scala da 1 a 1000, dove 1 è semplicemente essere vivi e 1000 è uno stato avanzato di illuminazione.
Hawkins identificò quelli che egli definì i campi attrattori del subconscio (gli archetipi di Carl Jung) che nascono dall'azione congiunta di milioni di menti che costituiscono l'inconscio collettivo ed esercitano una grande attrazione sulle persone. Le sue ricerche hanno dimostrato ciò che gli antichi popoli già sapevano da tempo: tutto nell'Universo è connesso, e qualsiasi domanda poniamo, se esiste la risposta da qualche parte dell'universo, possiamo conoscerla.
Ma Hawkins ha anche messo insieme un sistema con cui graduare la coscienza umana in vari livelli.
Utilizza numeri che vanno da 0 a 1000, ma non vanno letti come numeri semplici, ma come logaritmi in base 10. Per intenderci, il logaritmo di 2 è 200, quello di 4 è 10000, quello di 300 è 10 alla 300-sima potenza ecc. Una media globale di 200 e più è quella necessaria a sostenere la vita su questo pianeta affinché non si autodistrugga. Sotto i 200 troviamo la vergogna, la rabbia, la paura e tutte le emozioni negative.


Sotto i 200 troviamo LA COLPA, LA PAURA, LA RABBIA e tutte le emozioni negative. Sono i livelli estremamente bassi!
- Appena a 200 si trovano persone che hanno coraggio e hanno preso in mano la loro vita.
- A 300 ci sono le persone che hanno raggiunto un certo grado di neutralità di giudizio. A questo livello una persona controbilancia 90.000 persone che sono al di sotto i 200.
- A 400: l'armonia, l'accettazione, la capacità di perdonare (qui ognuno controbilancia ben 400.000 persone che si trovano sotto i 200).
- A 500, una persona è spiritualmente consapevole, il perdono e l'amore incondizionato fanno arte della sua vita. Una persona di questo livello controbilancia 750.000 persone che si trovano sotto al 200.
- E via via: una persona del LIVELLO 600 controbilancia 10 milioni di individui...
Come ci può servire questa scala?

- Per conoscere se stessi e per controllare i parametri del proprio lavoro. Se lavoriamo co il pendolo, e abbiamo dubbi circa la provenienza dell'informazione, lanciamolo sopra la scala di Hawkins: se viene da una fonte sicura, dal mondo della Spirito, sarà a 1000.
- Testiamoci: a che livello sono io? E pensiamo sul perché ci troviamo (eventualmente) su una scala bassa.
- Possiamo testare qualsiasi notizia che leggiamo. Qual'è la sua frequenza? Una notizia potrebbe essere sbalorditiva, ma è vera? Qual'è la sua frequenza sulla scala di Hawkins?
- Prima di fare certi corsi e di andare da certi "guru", testateli. Ci sono anche altri metodi per testare la validità di certe persone, ma questo già potrebbe dare una risposta rapida.
Advanced Mind institute Italia

lunedì 21 settembre 2015

LA BIOGEOMETRIA E LE BIOFIRME


La Biogeometria fondata nel 1968 dall’architetto egiziano Ibrahim Karim, è la scienza che studia l’energia delle forme.
Usa colori, forme, movimento, orientamento e suono per produrre una qualità vibrazionale in grado di bilanciare i campi energetici. Tutti gli oggetti interagiscono con l’energia della Terra producendo un campo energetico intorno ad essi, e quando due di questi campi si trovano vicini possono comunicare e modificarsi l’un l’altro, attraverso la legge della risonanza. Da queste considerazioni è nata la scienza delle Biofirme, diagrammi lineari che in virtù della loro forma equilibrano le energie degli organi del corpo e le loro funzioni.

Abbiamo un sistema energetico centrale a cui sono collegati altri sistemi periferici. I meridiani con i loro punti dell’agopuntura fanno parte del sistema periferico dell’energia, che include anche una parte che circonda la forma del nostro corpo, simile a quella che si può trovare in qualunque altra forma geometrica (la Terra e la sua atmosfera ad esempio). La forma del corpo ha un deposito dell’ energia individuabile nello strato di grasso della pelle. Questo strato, oltre a proteggere l’energia centrale da fattori esterni, ha la capacità di accumulare e trattenere informazioni. Il sistema dell’energia centrale usa i sensi e i centri di energia (chakra) per interagire con tutti i livelli energetici ambientali.
Anche il sistema periferico non è completamente isolato, ma in costante scambio di informazioni con l’ambiente esterno.
Dobbiamo avere delle finestre. Questi punti portano le informazioni al sistema interno perché si adatti all’ambiente circostante, e sono usati in agopuntura per influenzare il flusso dell’energia verso gli organi.

Ma in realtà, il loro ruolo è molto più importante, perché sono i sensori chiave delle energie ambientali. Sarebbe come se usassimo le finestre di una casa solo per guardarci dentro. La loro funzione primaria è permetterci di guardare fuori.
Nel nostro corpo ogni organo manda parte della sua energia verso le “finestre” per essere informato di ciò che avviene fuori e adattarsi di conseguenza. I sistemi periferici dell’energia non sono limitati al corpo, ma si estendono oltre, in una sorta di campo energetico o aura che lo circonda. Ci sono diversi livelli: quello della vitalità, delle emozioni, dei pensieri, e ognuno include i suoi sub- livelli. Ora con tutto questo abbiamo la possibilità di scambiare informazioni tra l’interno e l’esterno del corpo, ed è ciò che faremo.
Forme simili entrano in risonanza tra di loro: dopo aver studiato il corpo da un punto di vista fisiologico, il sistema di agopuntura cinese e i suoi meridiani e il sistema indiano con i suoi chakra e le loro relazioni, abbiamo scoperto le relazioni attuate nella risonanza della Biogeometria. Queste relazioni si svolgono su molteplici livelli negli organi del corpo e si esprimono come modelli energetici lineari delle funzioni degli organi che abbiamo chiamato Biofirme.

Se mettiamo una forma semplice in questo strato “informativo” intorno al corpo umano, entrerà in risonanza con un modello energetico di forma simile nel nostro corpo.
Se il mio stomaco ha un problema e io metto nel mio campo energetico un modello che rappresenta lo stomaco, questo modello entrerà in risonanza col mio stomaco? Come avviene con una nota musicale emessa dal diapason usato da un accordatore, possiamo affermare di si. Questo modello è neutro ma quando entrerà in risonanza con il mio campo energetico entrerà in risonanza con l’organo che nel mio corpo ha una forma simile. In altre parole, posso mettere un modello di un organo in risonanza con un organo reale. Con questo modello di stomaco possiamo solo correggere l’energia periferica della forma che va alla periferia dell’organo.

le Biofirme non sono le stesse cose dei simboli o dei disegni usati in altre discipline, come il reiki o i diagrammi personali visualizzati da certi guaritori. Lavorano sulla base della risonanza. Le Biofirme non si impregnano di per sé, ma lo fanno le basi su cui sono disegnate (per disimpregnare,basta scuoterle o soffiarci sopra con forza) per cui le Biofirme diventano inattive, non potendo più condurre flussi di energia.

Tratto da: Il Giornale di Radionica, n.19/2006
Advanced Mind Institute Italia





sabato 19 settembre 2015

I TONI DEL SOLFEGGIO. LE FREQUENZE DELL’ASCENSIONE


E' un “diapason” per l’accordatura dei chakra: si chiama il SOLFEGGIO DELLE FREQUENZE DELL’ASCENSIONE (per analogia con l’ottava di 7 note).
La musica delle frequenze dell’ascensione è stata riscoperta dal dott. Joseph Puleo https://www.youtube.com/watch?v=cbDn1qvU81c che studiò gli antichi manoscritti del monaci gregoriani e scopri che i loro canti furono frequenze di guarigione grazie ad uno speciale arrangiamento dei sei toni del solfeggio.
Il solfeggio inizia dalla nota di base (che corrisponde a Muladhara) e sale in su fino ad Ajna.
I moderni autori hanno aggiunto ai sei toni gregoriani anche quelli che corrispondono al chakra Sahasrara ed oltre.
Le prime tre frequenze sono collegate al subconscio (174-285-396 Hz). L’effetto: liberazione dalle frequenze della paura, della colpa, l’iniziazione quantica.
Le frequenze successive agiscono sui restanti chakra.
474 Hz: Dissoluzione delle pietrificazioni emozionali/convenzioni/abitudini, l’apertura della mente e la capacità di cambiare;
528 Hz: Trasformazione e Miracolo (alcuni ricercatori utilizzano questa frequenza per guarire al livello del DNA;
741 Hz: Il risveglio dell’Intuizione;
852 Hz: Il ritorno dell’Ordine Spirituale;
963 Hz: il Sahasrara.
(Qui sotto riporto il link di LENNI ROSSOLOVSKI per scaricare tutti i tonI, si apre un file compresso .rar che bisogna aprire – i programmi gratuiti si trovano facilmente in internet).
http://www.amazon.com/gp/drive/share
Lenni Rossolovski scriveva, nel 2011: “...ascolto sempre più spesso le frequenze standard del solfeggio e noto un risultato positivo per la mia salute. Siamo stanchi delle pasticche, e la cura con il suono è stata da lungo dimenticata... in passato i malati venivano curati con i canti, con inni e psalmi, e spesso questo era l’unica cura che i ricevevano. Ora questo è dimenticato, malgrado il computer ci offra un arsenale enorme degli strumenti acustici.
Il nostro organismo potrebbe essere accordato con l’aiuto dei toni standard del solfeggio. Posso dire in tutta sicurezza: questo funziona.
Così, sono riuscito a liberarmi dai dolori alla colonna vertebrale. E pure da qualche altro acciacco.
Questi toni accordano l’organismo esattamente come in accordatore con un diapason accorda un pianoforte. Ce ne sono molti materiali in internet, fate una ricerca e troverete un mucchio di risultati.
Ma attenzione: scoltateli con le cuffie.
Quando iniziate ad ascoltarli noterete subito quale frequenza vi attira di più: vuol dire che il vostro organismo in questo momento ne ha bisogno. Le prime volte potrete anche avvertire un disagio, avrete persino voglia di spegnere tutto. Dopo le prime sedute i vostri sintomi potrebbero pure aggravarsi! Ma non preoccupatevi, rallegratevi: questo è un bene e significa che l’organismo ha risposto alla frequenza, e sono cominciati i cambiamenti. Tra qualche giorno vi sentirete meglio.
I toni del solfeggio accompagnano molto bene le meditazioni, specialmente la frequenza 528 Hz (trasformazione). ...”
Si può ascoltare sia come sfondo sia in cuffie. vanno bene come sfondo nella stanza del malato.


Advanced Mind Institute Italia

giovedì 17 settembre 2015

RHODIOLA ROSEA – Dalla Siberia il tuo nuovo toccasana contro lo stress


CATEGORIA:
Estratti Vegetali

FUNZIONI:
Attività fisica, Concentrazione / Memoria, Difese Immunitarie,Equilibrio del Peso Corporeo, Insonnia, Menopausa, Metabolismo dei Grassi, Sistema Nervoso, Stanchezza Fisica e Mentale

Rhodiola Rosea dépliant

Questa pianta grassa riesce a sopravvivere al gelido clima della Siberia. Merito dei suoi metaboliti secondari che le permettono di adattarsi ad un ambiente decisamente ostile. Pensa al sostegno portentoso che può esercitare sulla tua capacità di affrontare meglio le incombenze giornaliere.

Cos’è

È un integratore a base di Rhodiola Rosea originaria dalla Siberia. L’estratto dalle radici si distingue per la quantità dei principi vegetali contenuti e per l’elevata qualità produttiva. Non contiene eccipienti, glutine né allergeni e non ha subito alcuna modificazione genetica.

A cosa è utile e come agisce

La tradizione popolare attribuisce alla Rhodiola Rosea molte proprietà, tra cui l’aumento della resistenza fisica e delle prestazioni intellettuali, la stimolazione del sistema immunitario, la capacità di dare sollievo nei disturbi dell’umore e dell’ansia. La Rhodiola Rosea presenta infatti un elevato potere tonico-adattogeno, utile per stimolare le nostre capacità di adattamento e per accrescere la resistenza dell’organismo nei confronti di quegli stress di varia natura, interni ed esterni, che ci fanno spesso sentire schiacciati dagli impegni o fisicamente indeboliti. La sua azione graduale e fisiologica aiuta quindi a ridurre l’impatto dei fattori stressanti sul sistema nervoso, rivelandosi un coadiuvante importante nei casi di alterazione dell’umore o disturbi del sonno. La Rhodiola Rosea stimola la produzione di serotonina, l’ormone che contribuisce al controllo dell’appetito, del sonno, dell’umore e delle funzioni cardiovascolari, nonché al potenziamento della memoria, della concentrazione e dell’apprendimento. Ecco perché questo rimedio può essere un valido sostegno nelle diete rivolte al controllo del peso e un supporto efficace per ridurre i tempi di recupero in seguito ad un’attività fisica particolarmente intensa. Chi desidera dare una marcia in più allo studio o al lavoro, migliorando il livello di attenzione e le capacità di apprendimento, può trarre grande beneficio dall’utilizzo di questo integratore naturale.

Il nostro consiglio d’uso: Il nostro consiglio d’uso: assumere da 2 a 3 capsule al giorno, accompagnate da un abbondante sorso acqua o una tisana tiepida, preferibilmente durante le prime ore della giornata.




Rhodiola Rosea - 50 capsule
Vigore fisico e mentale
Voto medio su 36 recensioni: Buono
€ 19.5

DEBOLEZZA SESSUALE (cromopuntura)






































Consiglio la linea Kundalini BLU (fig 127) la sera per sciogliere le tensioni della zona Pubica addominale
al mattino invece è consigliata una ricarica energetica con il colore ARANCIONE (fig 145 o 146)
da abbinare  a i tre punti della testa (fig 147) con i tre punti VC 3,12,15
Questi trattamenti oltre ad essere di aiuto per impotenza e frigidita' sono un buon metodo per sbloccare il primo secondo e terzo chakra


Localizzazione di Rene 11 – R11:
Il punto di agopuntura Rene 11 – R11 si localizza mezzo tsun dalla linea mediana, 5 tsun sotto ombelico.

Localizzazione di Vaso concezione 6 – VC6:
Il punto di agopuntura Vaso concezione 6 – VC6 – Respondens 6 – Rs6 si localizza sulla linea mediana, 3,5 tsun tsun sopra la sinfisi pubica, 1,5 tsun sotto l’ombellico.

CUN o tsun :UNITA DI MISURA

venerdì 4 settembre 2015

LE TECNOLOGIE DEL SUONO

Noi all’Istituto di Sviluppo della Coscienza adoperiamo una serie di tecnologie del suono grazie alle quali i nostri programmi sono molto efficaci. Potete conoscerle leggendo la loro descrizione.
I toni isocronici – si tratta di quei toni che s’attivano e si disattivano diverse volte al secondo. E’ uno dei metodi più efficaci della stimolazione neuroacustica perché suscita una forte risposta dell’ascoltatore. I toni puri con la frequenza 150 – 180 Hz ottengono i migliori risultati e si usano in molti programmi dell’Istituto di Sviluppo della Coscienza.
I ritmi binaurali (non più usati da noi). E’ una tecnologia molto semplice: in un orecchio si manda la frequenza 200 Hz, e nell’altro orecchio, la frequenza 210 Hz. Come risultato, avremo una frequenza “fantasma” di 10 Hz che agisce sulla coscienza. Attualmente, noi abbiamo rinunciato all’uso dei suoni binaurali avendoli sostituiti con delle tecnologie più moderne.
I ritmi monoaurali sono i ritmi di due frequenze diverse, riprodotti tramite la stessa cassa o la stessa cuffia. Per esempio, si riproducono le frequenze 400 e 410 Hz. Durante la loro contemporanea riproduzione sorge una terza frequenza, una frequenza di risonanza 10 Hz che agisce sul cervello della persona. Questa tecnica la usiamo molto limitatamente.
Il quadrato delle armoniche. E’ una tecnologia del suono nuova che adopera la combinazione dei ritmi binaurali e monoaurali, di modo che formino un quadrato. Per esempio: la frequenza 7 Hz si ottiene tramite l’uso di 4 frequenze: 330 Hz, 337 Hz, 351 Hz e 344 Hz. Raffigurandole graficamente, avremo un quadrato. Il nome della tecnologia deriva da qui. E’ stata usata solo in alcuni programmi dell’Istituto.
La modulazione d’ampiezza. E’ una delle tecnologie più usate: l’ampiezza del suono viene modulata con un determinato ritmo. Prendiamo, per esempio, il ritmo 9 Hz. L’ampiezza della colonna sonora cambierà 9 volte al secondo. E’ largamente usata nei nostri programmi e fa parte della tecnologia 3M messa a punto dal nostro Istituto.
La tecnologia dello spostamento spazio-acustico. E’ un po’ simile alla tecnologia della modulazione d’ampiezza. Agisce sulla coscienza spostando la fonte del suono nello spazio: la frequenza portante 8 Hz, per esempio, raggiunge gli orecchi destro e sinistro non contemporaneamente ma con un piccolo ritardo. Prima arriva nell’orecchio destro, poi in quello sinistro, alcuni millisecondi più tardi. Il suono sembra che “nuoti” nello spazio, con una velocità pari ad un determinato ritmo. Questa tecnologia la usiamo largamente nei nostri programmi.
La panoramizzazione della frequenza del tono musicale. E’ una tecnologia è un po’ simile a quella dello spostamento spazio-acustico, ma il tono della colonna sonora cambia diverse volte al secondo. Noi all’Istituto la adoperiamo abbastanza raramente a causa dei cambiamenti che provoca nell’audio dei programmi, mentre in alcuni casi (le registrazioni dei suoni della natura, dell’acqua, del rumore dell’acqua, della pioggia, dei canti degli uccelli), il suo uso è giustificato e apporta buoni risultati.
Il suono olofonico. Il suono olofonico è un tipo di suono particolare che crea l’effetto tridimensionale. Si registra con l’aiuto di speciali microfoni collocati, durante la registrazioni, negli orecchi. A causa di un certo ritardo con il quale il suono raggiunge gli orecchi, si crea l’effetto tridimensionale (da non confondere con la stereofonia!). All’Istituto di Sviluppo della Coscienza abbiamo le attrezzature che permettono di effettuare tali registrazioni per poi usarle nei programmi.
La modulazione incrociata. E’ una tecnologia semplice ma efficace, quando i canali audio destro e sinistro si scambiano posti diverse volte al secondo per agire sul cervello. La usiamo in alcuni programmi. Non è semplice rendersi conto di questo effetto. A volte ricorda il canto dei grilli, altre volte il battito delle pale di un ventilatore.
La modulazione delle bande. Si tratta della modulazione del margine superiore di una banda di frequenza.
La modulazione del volume. Si tratta della modulazione del volume della colonna sonora.
La tecnologia 3M. Questa tecnologia del suono è stata sviluppata all’Istituto di Sviluppo della Coscienza e rappresenta la combinazione delle diverse tecnologie per il trattamento dello sfondo della colonna sonora. Di solito, per registrare un ritmo nella colonna sonora, usiamo, contemporaneamente, la modulazione d’ampiezza, la modulazione del volume e la tecnologia dello spostamento spazio-acustico

A parte le tecnologie indicate, adoperiamo una moltitudine di effetti acustici speciali in grado di influenzare la coscienza. Si tratta dell’effetto dell’eco, del suono galleggiante, del riverbero, del suono a 3D, della panoramizzazione dello sfondo e di tanti altri filtri speciali che permettono di scegliere una determinata banda per la modulazione. Con il loro aiuto possiamo modulare il suono del pianoforte lasciando lo sfondo naturale intatto e come tale, o viceversa; dipende da ciò che vogliamo ottenere.
Qualsiasi tipo di cuffie è capace di riprodurre queste tecnologie del suono (di regola, sono modulate le frequenze 200-700 Hz), perciò l’ascoltatore non ha bisogno di cuffie particolari né di apparecchiature speciali; basta avere delle cuffie o casse stereo normali.

https://it.advanced-mind-institute.org/articles/le-tecnologie-del-suono.html

martedì 1 settembre 2015

PLACEBO EFFECT

"Ti consiglio di meditare ascoltandone la registrazione, che ti aiuta a cambiare due credenze e due percezioni e dura circa un’ora, o la versione più breve, che ti aiuta a cambiare una credenza e una percezione e dura circa quarantacinque minuti. La versione di un’ora si chiama Placebo Effect: Come cambiare due credenze e due percezioni e l’altra si chiama Placebo Effect: Come cambiare una credenza e una percezione. Ricorda che le credenze e le percezioni sono modi d’essere subconsci. Cominciano come pensieri ed emozioni che pensi e senti di continuo, finché non diventano abitudinarie e automatiche, tanto da formare un atteggiamento. Gli atteggiamenti si consolidano trasformandosi in convinzioni, che a loro volta si rafforzano diventando percezioni. Nel corso del tempo, questa ridondanza crea una visione del mondo e di te stesso che è in larga parte subconscia. Essa influisce sulle tue relazioni, sui tuoi comportamenti e su tutto ciò che fa parte della tua vita."

 Dr. Joe Dispenza


Placebo Effect - Le Meditazioni su Audio CD

Placebo Effect - Le Meditazioni su Audio CD

Joe Dispenza

Compralo su il Giardino dei Libri




Questo libro ci illustra come cambiare il nostro mondo e la nostra salute con il potere della mente.

Così come la medicina usa i cosiddetti farmaci “placebo”, che esercitano un effetto psicologico di autosuggestione sul paziente, anche noi possiamo convincere la mente e il corpo a trasformare i nostri pensieri in realtà.

"Gli incredibili risultati che ho osservato nei miei seminari avanzati e i dati scientifici emersi mi hanno portato a soffermarmi sul con­cetto di placebo: quel fenomeno che si verifica quando una persona prende una pillola di zucchero o le viene somministrata un’iniezio­ne di soluzione salina e sta subito meglio grazie alla fiducia riposta nel rimedio esterno.

Ho cominciato a chiedermi: “Che cosa succederebbe se le perso­ne iniziassero ad avere fiducia in se stesse invece che in qualcosa di esterno? E se credessero di poter cambiare qualcosa dentro di loro mettendosi nello stesso stato mentale di chi prende un placebo? Non è forse questo che fanno i partecipanti ai nostri seminari per guarire? C’è davvero bisogno di una pillola o di un’iniezione per cambiare lo stato mentale? Possiamo insegnare come raggiungere lo stesso risultato, mostrando come funziona realmente il placebo?”.

Dopo tutto, il predicatore che maneggia i serpenti e beve stricnina senza riportare conseguenze ha certamente modificato il suo stato mentale, giusto? Quindi, se iniziamo a rilevare ciò che avviene nel cervello e a esaminare tutte queste informazioni, possiamo anche insegnare alle persone come farlo da sole, senza dipendere da un elemento esterno, senza un placebo? Possiamo spiegare che sono esse stesse il placebo? In altre parole, possiamo convincerle che invece di accordare la pro­pria fiducia a qualcosa di noto, come una pillola di zucchero o un’iniezione di salina, possono riporla nell’ignoto, trasformandolo in qualcosa di conosciuto?

L’intento del libro è proprio questo: permetterti di capire che hai tutti i meccanismi biologici e neurologici per raggiungere esat­tamente questo risultato. Il mio obiettivo è demistificare que­sti concetti attraverso le nuove spiegazioni scientifiche, affinché sempre più persone possano cambiare il proprio stato interiore e creare cambiamenti positivi nella salute e nel mondo esterno. Se ti sembra troppo bello per essere vero, sappi che, come ho già detto, nell’ultima parte del libro troverai alcune ricerche elabora­te nei nostri seminari che ti mostreranno come tutto questo sia possibile."

Joe Dispenza


Dall'introduzione:

DI COSA NON PARLA QUESTO LIBRO

"Vorrei spiegare brevemente di cosa non parla questo libro, per fu­gare fin dall’inizio eventuali dubbi. Innanzitutto, non faremo con­siderazioni etiche sull’utilizzo del placebo nei trattamenti medici. Si discute molto su quanto sia corretto dal punto di vista morale curare con una sostanza inerte un paziente che non rientra in una sperimentazione clinica. Chiedersi se il fine giustifica tali mezzi è una questione che meriterebbe di essere discussa in un dibattito più ampio sull’uso del placebo, ma è del tutto estranea al messaggio che questo libro intende veicolare.

Placebo Effect ti spiega come metterti al posto di guida per creare il cambiamento che desideri, senza interrogarsi se sia giusto o sbagliato che altre persone facciano altrettanto ricorrendo a un espediente.

Questo libro non parla neanche di negazione. Nessuno dei meto­di descritti si propone di negare le eventuali patologie da cui sei afflitto. Al contrario, il tema centrale del libro è la trasformazione delle malattie e delle patologie. A me interessa misurare i cambia­menti che le persone rilevano quando passano dalla malattia alla salute. Placebo Effect non ha intenzione di spingerti a rifiutare la realtà, ma ti mostra ciò che è possibile quando entri in una nuova realtà.

Un riscontro attendibile, ottenuto attraverso le analisi mediche, ti confermerà l’efficacia di quello che stai facendo. Quando vedrai gli effetti che hai creato, potrai spostare l’attenzione sul percorso che hai fatto per arrivare a quel punto, e ripeterlo. E se quello che stai facendo non funziona, è il caso di cambiarlo fino a ottenere ciò che desideri. Questo significa combinare scienza e spiritualità. La negazione, d’altra parte, si ha quando non consideri la realtà di ciò che accade dentro e intorno a te.

Questo libro non intende neppure mettere in discussione l’efficacia delle varie modalità di guarigione. Ne esistono diverse, e funziona­no quasi tutte abbastanza bene. Tutte hanno un effetto benefico, per certi versi misurabile, almeno in alcune persone, ma non voglio condurre una disamina completa di questi metodi nel libro.

Il mio intento è farti conoscere la tecnica che più di tutte ha catturato la mia attenzione: la guarigione attraverso il pensiero. Perciò continua pure a utilizzare i metodi di guarigione efficaci nel tuo caso, come farmaci, chirurgia, agopuntura, chiropratica, biofeedback, massag­gio terapeutico, integratori alimentari, yoga, riflessologia, medicina energetica, terapia del suono e così via. Placebo Effect non esclude nulla, a eccezione delle limitazioni che ti imponi tu stesso."

Joe Dispenza


Placebo Effect Joe Dispenza

Placebo Effect
Libera il potere della tua mente
Joe Dispenza

Compralo su il Giardino dei Libri

Fiori di Bach - Estratto Floreale n.39 - Estratto Universale

I Fiori di Bach vengono preparati dal Laboratorio Erboristico Di Leo® esattamente allo stesso modo in cui li preparava il dottor Bach e la semplicità è la chiave di questo sistema di guarigione.


L' ESTRATTO UNIVERSALE fu chiamato dal dottor Bach "rimedio di soccorso" per i suoieffetti calmanti e stabilizzanti sulle emozioni nel corso di una crisi.


L' ESTRATTO UNIVERSALE è composto da cinque rimedi floreali:

Impatiens per l'irritabilità, la tensione mentale e per l'impazienza tipica delle situazioni di emergenza
Clematis per gli stati di incoscienza, per il distacco dalla realtà con senso di mancamento
Rock rose per il terrore e il senso di panico
Cherryplum per la paura di perdere il controllo sia fisico che mentale
Star ofBethlehem per i traumi mentali e fisici

E' un rimedio molto usato nei casi di emergenza in quanto agisce in breve tempo. Ovviamente non deve essere considerato una panacea e tanto meno sostituisce il trattamento medico, ma può aiutare a ridurre o a evitare lo shock legato a un evento traumatico. Viene considerato come un unico fiore che agisce in prevalenza sugli squilibri energetici ed emozionali caratteristici delle situazioni di emergenza.

Modalità d'uso
Uso interno:
4 gocce almeno quattro volte al giorno. In caso di emergenza 4 gocce anche ogni due ore.
4 gocce in un bicchier d'acqua da bere a piccoli sorsi in breve tempo.
4 gocce in una bottiglietta d'acqua da bere a piccoli sorsi durante la giornata. Nel caso in cui il soggetto non sia in grado di bere: strofinare alcune gocce del preparato puro sulle labbra, dietro le orecchie, sui polsi o sul punto dell'ansia nell'incavo tra pollice e indice.
Uso esterno: lo si può applicare su contusioni accompagnate da gonfiore, distorsioni, graffi, punture di insetti, piccole infiammazioni e piccoli tagli; lo si può massaggiare sulle tempie (cefalea, mal di testa, vertigini), sul ventre (dolori mestruali, dolori colitici), sulla schiena per rilassare e ridurre le tensioni muscolari o i dolori.

L' ESTRATTO UNIVERSALE ha una vastissima gamma di impieghi tra cui:
stress, derivante da visita dal dentista, esame, cattive notizie,
incidente
per le forme di ansia e di paura
calmare il panico interiore per la notizia di una grave malattia
disperazione acuta dovuto a lutto; periodo che segue la morte di un familiare
dipendenza dall'uso dei farmaci, dal fumo
attacchi di panico di carattere non clinico
paura di prendere l'aereo
attacchi di collera
trauma emotivo dovuto alla rottura di una relazione (matrimonio, fidanzamento)
trauma di un adolescente per la separazione dei genitori
trauma di una adolescente per la comparsa delle mestruazioni
nervosismo prima di parlare in pubblico
nausea e vertigini
senso di mancamento
cefalea

Per la gravidanza e il parto:
per tutti i cambiamenti psicologici e fisici che avvengono in questo
 periodo
per i continui sbalzi di umore
per le nausee
per le ansie e le preoccupazioni
per le tensioni in prossimità del parto e durante il travaglio
coliche gassose
durante il travaglio e il parto
dopo la nascita alla mamma e al bambino attraverso l'allattamento

Per i bambini:
per placare le piccole crisi dei bambini: pianto e irritabilità
per i bambini iperattivi
per calmare bambini con temperamento collerico
per calmarli prima di una visita medica
per calmarli prima di un'iniezione o di una vaccinazione
per le crisi allergiche per tutti gli stati di ansia e apprensione
per il distacco dalla mamma i primi giorni di scuola
per difficoltà a dormire
per liti fra bambini

Per gli animali:
in caso di shock per incidente, ferite
prima di un intervento chirurgico in quanto attenua l'ansia e calma
l'animale prima dell'anestesia
per paura e panico dopo un evento traumatico
direttamente sulle zecche che colpiscono cani e gatti
per l'eccessiva aggressività
per periodi di astenia e apatia

Si possono mettere le gocce nella ciotola del cibo o direttamente nella bocca dell'animale.

Conclusioni: le varie esperienze servono a testimoniare che estratto universale è stato largamente utilizzato negli ultimi venti anni come inestimabile aiuto, e il suo uso è del tutto sicuro e senza effetti collaterali.


Fiori di Bach - Estratto Floreale n.39 - Estratto Universale
Fiori di Bach - Estratto Floreale n.39 - Estratto Universale
Flacone da 10ml


Compralo su il Giardino dei Libri

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...